Antonella Ruggiero in concerto a Monza per sostenere il progetto di realtà virtuale di  SLAncio
La presentazione del concerto (Foto by Fabrizio Radaelli)

Antonella Ruggiero in concerto a Monza per sostenere il progetto di realtà virtuale di SLAncio

La cantante Antonella Ruggiero al teatro Manzoni il 6 marzo accompagnata dall’Orchestra cameristica lombarda, diretta da Ennio Cominetti per un evento a favore di un progetto della cooperativa La Meridiana per il centro SLAncio, sostenuto dai Lions club.

Visori per stimolare emozioni profonde, la realtà virtuale e aumentata per evocare paesaggi lontani, azioni e pensieri nelle persone con patologie neurologiche complesse. Sarà la voce unica e raffinata di Antonella Ruggiero ad aiutare la cooperativa La Meridiana nel nuovo progetto “Realtà virtuale e cura della fragilità”, all’interno del servizio “Il movimento inatteso”, pensato a supporto delle persone che dallo stato vegetativo passano a uno stato di minima coscienza.

Ad accompagnare Antonella Ruggiero, sul palco del teatro Manzoni il 6 marzo alle 20.45, sarà l’Orchestra cameristica lombarda, diretta da Ennio Cominetti, che proporrà i più grandi successi della cantante genovese, con arrangiamenti eseguiti da un’orchestra da camera. Un evento promosso e ideato dal Lions club Monza parco in collaborazione con i club Monza Corona ferrea, Monza regina Teodolinda, Monza duomo, Vimercate, Lissone e Arcore Borromeo. L’intero ricavato della serata sarà devoluto a Slancio, per sostenere il progetto “Realtà virtuale e cura della fragilità”. «Il costo annuo del nuovo progetto è di 20.000 euro, ai quali si aggiungeranno altri 6.000 euro per l’eventuale acquisto di software dedicato al monitoraggio delle modalità con le quali i pazienti svolgono gli esercizi di riabilitazione», ha spiegato Claudio Cavalieri, direttore operativo della Meridiana.

Antonella Ruggiero in un concerto nel Vimercatese di alcuni anni fa

Antonella Ruggiero in un concerto nel Vimercatese di alcuni anni fa

Da tempo il team di Slancio sta sperimentando l’utilizzo di nuove tecniche digitali e percorsi innovativi per implementare le terapie dei pazienti ricoverati nella struttura. «Siamo i primi in Italia a sperimentare i sistemi di realtà virtuale e aumentata a servizio della riabilitazione in pazienti affetti da demenze e patologie neurologiche complesse – ha aggiunto Cavalieri -. L’intento è quello di acquistare, anche grazie a questo evento, appositi visori più complessi e immersivi dei modelli precedenti, che consentiranno anche di misurare gli esiti delle terapie».

Dunque la magia della musica per dare vita a una magia virtuale ma abbastanza reale da permettere a pazienti tetraplegici di muovere di nuovo gli arti. «Se ci immaginiamo qualcosa riusciamo anche a raggiungerla», ha aggiunto Andrea Magnoni, neurologo, coordinatore del progetto Un movimento inatteso. «Grazie a questi strumenti vogliamo offrire ai pazienti una serie di stimolazioni in modo da accelerare il processo di miglioramento neuroplastico», ha aggiunto Magnoni. Per prenotazioni e informazioni è possibile contattare il numero 039.390.51, tutti i giorni dalle 10 alle 18 o scrivere a silvia.zecchini@cooplameridiana.it. Contributo minimo 30 euro a persona.


© RIPRODUZIONE RISERVATA