Agrate Brianza:  amici e solidarietà per il bambino di 8 anni escluso per razzismo
Agrate razzismo parco via Vismara (Foto by Michele Boni)

Agrate Brianza: amici e solidarietà per il bambino di 8 anni escluso per razzismo

Il bimbo di Agrate Brianza escluso dalla partita per il colore della pelle è tornato a giocare con gli altri bambini. La reazione della politica.

Il bimbo discriminato ad Agrate Brianza, escluso dalla partita per il colore della pelle, è tornato a giocare con gli altri bambini. Il caso di razzismo risale alla settimana scorsa e ha avuto per protagonista il piccolo agratese di origine ivoriana di 8 anni, respinto da un gruppetto di coetanei al campo di basket del parco di via Vismara:«Non puoi giocare con noi, non ci piacciono i neri» si era sentito dire. A inizio settimana con la mamma è tornato proprio lì e, mentre era seduto sulla panchina, è stato avvicinato da altre mamme e figli che hanno mostrato la loro solidarietà.

Poi la naturale conclusione: il bambino si è messo a giocare con quegli amichetti trovati nel giardino pubblico.

LEGGI Agrate Brianza: la lezione del bambino di 8 anni ai coetanei che l’hanno respinto per il colore della pelle

«Siamo contenti – ha raccontato la madre – perché attraverso il post dei giorni scorsi stiamo ricevendo tanta solidarietà e, soprattutto, nostro figlio comincia a capire che è una piccola minoranza che discrimina per il colore della pelle».

Dopo quella del sindaco Simone Sironi, è arrivata la soldarietà dell’onorevole leghista Massimiliano Capitanio.
«Mando un simbolico e forte abbraccio al bambino e prego anche perché gli altri bambini che si sono resi protagonisti di questo vergognoso episodio possano trovare nella scuola, in famiglia e nelle nostre comunità una possibilità di crescita e di riscatto - ha commentato il politico concorezzese - La legge finalmente approvata sull’Educazione civica (di cui il brianzolo è firmatario, ndr) sarà un’occasione per discutere fin dalla scuola materna di rispetto e tolleranza. Perché è sconfortante sapere che anche dei bambini, che solitamente hanno molto da insegnare agli adulti, abbiano compiuto un gesto razzista. Ogni forma di discriminazione va condannata e punita. Chi pensa che il colore della pelle faccia la differenza è un idiota. La politica non c’entra, qui si tratta di ignoranza medioevale».


© RIPRODUZIONE RISERVATA