Uniswap alla conquista del mercato NFT

Uniswap, il più grande exchange decentralizzato per capitalizzazione di mercato, estende i suoi servizi anche al settore degli NFT.

Uniswap, il più grande exchange decentralizzato per capitalizzazione di mercato, estende i suoi servizi anche al settore degli NFT. L’operazione era cominciata già la scorsa estate quando Uniswap aveva acquisito due piattaforme: Genie Sudoswap.

Ora che l’integrazione con queste due piattaforme è completata, gli utenti potranno comprare NFT in maniera decentralizzata, cioè automaticamente grazie alle liquidity pool e agli smart contract, senza intermediari. La scelta di NFT è vastissima perché Genie è un aggregatore di sette marketplace e include le collezioni, tra l’altro, di OpenSea e LooksRare. Altri marketplace verranno aggiunti in futuro.

Tra le opzioni previste c’è l’acquisto di più NFT con una sola transazione e la possibilità di mettere in vendita propri NFT su diversi marketplace.

Le tariffe del nuovo aggregatore sono state ritoccate al ribasso, risultando più convenienti rispetto a quelle di altri concorrenti. Non solo, per i primi 22.000 utenti è previsto un ulteriore sconto sulle fee.

Un altro incentivo per i primi utilizzatori di Genie che ha previsto Uniswap è la possibilità di partecipare a un airdrop per un totale di 5 milioni di dollari in USDC suddiviso in varie quote, fino a 1.000 dollari ciascuna.

Il mercato degli NFT sta andando verso una progressiva frammentazione e le piattaforme che ospitano le collezioni si moltiplicano, rendendo la vita più difficile ai trader. Ecco perché un aggregatore si rivela importante.

L’aggregatore semplifica l’attività sia dell’utente sia del creatore dell’NFT: entrambi hanno una visione e un controllo maggiore di tutto il mercato.

Secondo Scott Gray, fondatore di Genie, gli aggregatori possono favorire l’adozione di massa degli NFT. Un aggregatore come Genie, sostiene, è simile a Google Search, poiché indirizza il traffico verso una maggiore efficienza.

L’aggregatore di Uniswap sarà open source, il che significa che chiunque può contribuire con suggerimenti per migliorare il suo protocollo e la sua interfaccia tramite GitHub. All’inizio l’aggregatore supporterà solo NFT basati su blockchain Ethereum, ma altre chain verranno aggiunte successivamente.

In realtà Uniswap non è nuovo al mondo degli NFT poiché ha già lanciato una collezione di NFT chiamata Unisocks che rappresentavano dei calzini che hanno raggiunto quotazioni strabilianti.

I migliori nuovi progetti che puntano sugli NFT

Nonostante il 2022 sia stato un anno difficile anche per gli NFT, non sono mancati i nuovi progetti che hanno puntato su questa nuova tecnologia. Due, in particolare:

IMPT introduce gli NFT nel mercato dei crediti di carbonio

Impact Project è un progetto nato da poco che è attivo sul mercato della compensazione dei crediti di carbonio. Come funziona questo mercato?

Non potendo vietare alle aziende di inquinare, i governi di tutto il mondo si sono accordati sul sistema dei crediti di carbonio per compensare la CO2.

Un credito di carbonio è un certificato o titolo che rappresenta una tonnellata di anidride di carbonio non emessa o eliminata dall’ambiente grazie alla realizzazione di un progetto ecosostenibile.

Chi acquista crediti di carbonio contribuisce quindi alla realizzazione di progetti di tutela ambientale e, in definitiva, alla lotta al cambiamento climatico.

Come funziona IMPT?

Il mercato dei crediti di carbonio è ricco e molto promettente, però sono ancora poche le persone che accedono per acquistare questi titoli. Il problema è che il mercato non è un esempio di trasparenza e prevede meccanismi di entrata piuttosto farraginosi.

IMPT porta la blockchain in questo mercato rendendolo trasparente, efficiente e di più facile accesso. L’idea di fondo è quella di tokenizzare i crediti di carbonio, cioè di trasformali in NFT evitando quindi brogli e doppi conteggi, poiché gli NFT sono immodificabili.

Il token nativo dell’ecosistema Impact Project è IMPT. Gli utenti, individui e aziende, si registrano sulla piattaforma e possono:

  • Comprare token IMPT
  • Convertire i token IMPT in crediti di carbonio
  • I crediti di carbonio vengono trasformati in NFT
  • Gli NFT possono essere scambiati sul marketplace interno
  • I token possono essere conservati a scopo speculativo oppure bruciati
  • Quando si bruciano i propri token per compensare l’impronta di carbonio si riceve un NFT da collezione che si può rivendere

I token possono essere acquistati ma anche ottenuti quando si fa shopping online presso i 25.000 esercizi commerciali che hanno aderito al progetto e che hanno accettato di ripagare gli acquirenti con un cashback in token IMPT. Queste aziende si impegnano a devolvere parte del ricavato a iniziative ecosostenibili.

IMPT ha anche una piattaforma social che attribuisce a ognuno un punteggio in base all’attività svolta dall’utente su tale piattaforma. Questi punti potranno poi essere scambiati per crediti di carbonio.

Il mercato dei crediti di carbonio concepito in questo modo facilita l’ingresso di individui e aziende che vogliono dare un contributo alla lotta al cambiamento climatico e che sono anche economicamente incentivati a farlo.

Come comprare token IMPT?

I token IMPT in questo momento si trovano in prevendita e il loro valore (attualmente 1 IMPT vale 0,023 dollari) aumenta man mano che la prevendita va avanti. Per acquistarli bisogna seguire questi passaggi:

Passaggio 1: Aprire un wallet crypto

Per acquistare token IMPT bisogna dotarsi di un wallet crypto come MetaMask per chi acquista da computer, oppure Trust Wallet per chi acquista da dispositivi mobili.

Passaggio 2: Acquistare ETH o USDT

IMPT è un token ERC-20 basato su blockchain Ethereum, quindi per acquistarlo occorrono ETH o USDT, due criptovalute che si possono comprare su qualsiasi exchange. È possibile acquistare ETH direttamente sulla piattaforma IMPT.io con carta di credito.

Passaggio 3: Collegare il wallet

Con gli ETH o USDT a disposizione, occorre collegare il wallet crypto alla piattaforma andando sulla pagina principale del sito e cliccando su “Connettere il portafoglio”.

Passaggio 4: Acquistare IMPT

A questo punto non resta che specificare quanti IMPT si vogliono acquistare e poi selezionare “Converti USDT” o “Converti ETH”. Al termine della prevendita sarà possibile ricevere i token generati.

RobotEra, metaverso e NFT

Uno dei nuovi progetti NFT da tenere d’occhio è RobotEra: un progetto molto diverso da IMPT, ma accomunato dall’importanza che giocano gli NFT. RobotEra è stato presentato recentemente sul mercato ma sta già riscuotendo un discreto successo.

Cos’è RobotEra?

RobotEra si inserisce in una nicchia di mercato molto promettente, e cioè quella che intercetta metaverso, play to earn e NFT. Il modello di riferimento è The Sandbox, una delle realtà più note nel settore a livello globale.

In RobotEra l’utente ha un suo avatar robot sul pianeta Taro che deve essere ricostruito dando inizio a una nuova era e quindi il giocatore può creare terreni e ogni genere di infrastruttura, oltre che creare e organizzare eventi come parchi a tema, concerti, musei. Nello specifico, in questo metaverso è possibile:

  •  Partecipare alla creazione di un mondo nuovo e di NFT
  •  Usare l’editor per creare terreni o robot
  •  Esplorare e ottenere ricompense
  •  Partecipare a competizioni e ottenere ricompense
  •  Esibire opere originali nei musei
  •  Partecipare a concerti
  •  Invitare NFT da altre comunità
  •  Costruire un nuovo metaverso con altre comunità NFT
  •  Gestire un continente per eventi di marketing

I robot avatar sono degli NFT con caratteristiche uniche, anche i terreni sono NFT così come gli altri elementi di gioco. Sono i giocatori a creare gli NFT che possono poi essere scambiati sul marketplace interno e generare una fonte di guadagno. Nello specifico, le opportunità per generare un guadagno sono:1. Fare trading di NFT. I principali NFT sono i robot e i terreni2. Staking. È possibile mettere in stake TARO, il token nativo dell’ecosistema3. Eventi. Le aziende possono organizzare eventi sul pianeta Taro da cui trarre profitti4. Estrazione di risorse. Le attività come l’estrazione di risorse e l’esplorazione permettono di generare un guadagno5. Gestione del terreno. Chi possiede un terreno o un intero continente può affittarlo ad altri utenti o ricavare altre forme di guadagno, per esempio con la pubblicità6. Fare trading di TARO. Taro è un token che può essere scambiato anche a scopo speculativo

Token TARO

RobotEra è un gioco e un metaverso che consente all’utente di creare un nuovo mondo e di guadagnare in diversi modi.

Tutto ruota intorno a TARO, il token nativo del progetto che alimenta l’intero ecosistema. In questo momento TARO è in prevendita e vale 0,020 USDT. Nelle fasi successive della prevendita questo valore aumenterà progressivamente.

La prevendita è cominciata lo scorso 9 novembre e finora ha raccolto oltre 300mila dollari: un risultato di non poco conto se si considera che siamo in pieno bear market e il mercato è falcidiato da cigni neri come il recente crollo dell’exchange FTX.

Per acquistare TARO la procedura è simile a quella descritta con IMPT: bisogna disporre di un wallet crypto, acquistare ETH o USDT, trasferirli nel wallet e usarli per comprare TARO.

I.P.