Un’azienda canadese promette di assumere personale locale per la miniera di potassio in Amazzonia

Secondo un’intervista, Brazil Potash, la società canadese che si propone di creare la più grande miniera di potassio dell’America Latina, è disposta ad assumere lavoratori indigeni Mura, in quanto cerca la loro approvazione per il delicato progetto.

Il progetto, che si trova vicino ad Autazes, in Brasile, nella capitale dello Stato di Amazonas, Manaus, ridurrà il fabbisogno agricolo del Paese, che ha bisogno di importazioni per il 95% del suo fabbisogno di potassio.

I Mura si sono opposti alla proposta perché ritengono che porterà prostituzione e consumo di droga nelle loro città.

La società Brazil Potash, di proprietà del gruppo Forbes & Manhattan di Stan Bharti, aveva ricevuto una licenza di installazione dal governo dello Stato di Amazonas.

Tuttavia, un tribunale ha bloccato la licenza perché l’azienda non ha consultato i Mura. La conclusione delle consultazioni determinerà ora l’approvazione.

L’amministratore delegato Matt Simpson ha dichiarato: “Intendiamo impegnarci con i Mura a impiegare un certo numero di loro nella nostra forza lavoro”.

Ha aggiunto che sosterranno Mura nel lancio delle loro imprese.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Secondo Simpson, la proposta dell’azienda di Toronto genererà 1.000 posti di lavoro diretti e 5.000 indiretti.

Egli prevede di ottenere l’autorizzazione all’installazione entro la fine dell’anno, in modo che l’azienda possa iniziare la costruzione della miniera da 2,4 miliardi di dollari. L’ottenimento della licenza di esercizio è l’ultimo passo necessario affinché Brazil Potash possa iniziare le operazioni nel 2026, come previsto.

Secondo Simpson, è ancora in discussione se anche l’Ibama, l’agenzia federale per la protezione dell’ambiente, debba approvare la proposta.

In caso di sviluppo della miniera, Brazil Potash venderebbe tutti i prodotti nazionali attraverso i fiumi agli agricoltori.

Il fiume Madeira e la miniera distano solo 8 chilometri e l’estrazione, la lavorazione e la distribuzione del potassio agli agricoltori sono meno costose del trasporto.

La produzione della miniera potrebbe raggiungere 2,4 milioni di tonnellate di cloruro di potassio all’anno, soddisfacendo il 22% dell’attuale domanda brasiliana.