Tre navi cariche di mais hanno ricevuto il permesso di lasciare i porti ucraini venerdì

Secondo il gruppo che organizza l’operazione, tre navi che trasportavano 58.041 tonnellate di mais hanno ricevuto il permesso di lasciare i porti ucraini venerdì, come parte di un accordo per aprire i porti del Paese alle esportazioni di grano.


L’accordo tra Russia e Ucraina, con la mediazione della Turchia e delle Nazioni Unite, promette di risolvere la crisi alimentare mondiale causata dalla guerra. Il primo carico di grano ucraino è partito lunedì da Odesa ed è arrivato nello stretto del Bosforo circa 36 ore dopo.


Due navi partiranno da Chornomorsk e una da Odesa venerdì, secondo il Centro di coordinamento congiunto di Istanbul, che riunisce dipendenti russi, ucraini, turchi e delle Nazioni Unite.


La Rojen trasporterà 13.041 tonnellate di mais a Tee sport in Gran Bretagna, mentre la Polarnet partirà da Chornomorsk con 12.000 tonnellate di mais dirette a Karasu in Turchia.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading>>>è gratis


In precedenza la Turchia aveva dichiarato che tre navi avrebbero dovuto lasciare i porti ucraini venerdì e che i ministri della Difesa e delle Infrastrutture dell’Ucraina si erano incontrati con il ministro della Difesa turco per coordinare la consegna del grano.


Nella tarda serata di mercoledì è stato annunciato che una nave portarinfuse turca sarebbe arrivata nel porto ucraino di Chornomorsk venerdì, diventando così la prima nave ad arrivare in un porto ucraino durante l’invasione russa. Ha riconosciuto la nave portarinfuse battente bandiera liberiana come la Osprey S.


La Reuters ha riferito che la Osprey S era ancorata nel Mar di Marmara, a circa 0,6 miglia dalla costa asiatica di Istanbul, mentre altre navi attendevano di attraversare il Bosforo per entrare nel Mar Nero.