Secondo uno studio di Chainalysis, 2,2 milioni di dollari in criptovalute sono stati dati a organizzazioni filorusse in Ucraina

Chainalysis ritiene che le forze paramilitari filorusse nell’area ucraina del Donbas si siano procurate oltre 2,2 milioni di dollari in criptovalute, e precisa che i destinatari erano a Donetsk e Luhansk.

Per un periodo considerevole, c’è stata una disputa nel Donbas e nei territori di Donetsk e Luhansk dell’Ucraina.

I separatisti sostengono che il Donbas ha proclamato l’autonomia da Kiev nel 2014 e le forze armate filorusse sostengono le rivendicazioni dei separatisti.

Secondo lo studio, la società di intelligence blockchain ha trovato circa 54 organizzazioni filorusse che hanno ricevuto donazioni in investimenti in criptovalute.

La notizia di Chainalysis è stata pubblicata il 29 luglio 2022, mentre la guerra tra Ucraina e Russia infuria senza apparente fine.

Secondo l’ultimo studio sul mining, la Russia è un luogo famoso per i minatori di criptovalute.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Secondo la ricerca di Intelion Data Systems, i minatori di criptovalute pullulano in Carelia, Buryatia, Mosca e Oblast di Mosca.

Inoltre, molti presumono che la Russia, la Cina e i Paesi BRICS stiano cercando di minare l’apparente egemonia del dollaro statunitense sviluppando una nuova valuta di riserva globale.

La Russia e l’Ucraina si sono recentemente scambiate le colpe per un devastante attacco a un campo di prigionieri di guerra in un’area separatista dell’Ucraina.

Sebbene i 2,2 milioni di dollari in criptovaluta siano ingenti, gli esperti di Chainalysis affermano che i dati sono preziosi.

Nel suo rapporto, l’azienda sostiene che, poiché le blockchain pubbliche sono chiare, possono tracciare ogni scambio nelle catene di pagamento di questi conti, ricavando prospettive sulle azioni filorusse che sarebbe più difficile scoprire dalle inchieste sulle valute fiat.