Secondo un analista di Stanford, la spesa personale per i consumi negli Stati Uniti ha raggiunto nuovi massimi e la Fed dovrebbe aumentare i tassi di interesse di oltre il 9%

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo rapporto finanziario o una nuova informazione per il grande pubblico, le prospettive per gli Stati Uniti rimangono desolanti.

A metà luglio è stato pubblicato il rapporto del Bureau of Labor Statistics sull’IPC, da cui risulta che i dati di giugno indicano un aumento record del 9,1% su base annua.

Il 27 luglio, la Federal Reserve degli Stati Uniti ha aumentato il tasso di interesse sui fondi federali di 75 punti percentuali (bps) per contribuire a raffreddare l’impetuosa inflazione del Paese.

Due giorni dopo, il Bureau of Economic Analysis (BEA) ha annunciato i dati dell’indice di spesa personale, attesissimi.

L’indice è aumentato del 6,8% a giugno, il più alto guadagno su 12 mesi dal gennaio 1982.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Lo stesso giorno, il newsdesk di Kitco ha parlato con l’analista John Cochrane, secondo il quale la Federal Reserve statunitense dovrebbe aumentare i tassi di interesse oltre il 9%.

Cochrane ha detto che un criterio di oro o bitcoin non frenerebbe l’inflazione.

Secondo un esperto di economia dell’Università di Stanford, la “visione mainstream” è che la Fed deve aumentare i tassi “significativamente al di sopra” della fascia del 9%.

Cochrane ritiene che un protocollo bitcoin sia negativo e che il bitcoin (BTC) sia “inutile”.

Cochrane conclude che la soluzione ideale è che i nostri governi attuino strategie monetarie e fiscali solide e dedichino maggiore attenzione a tenere a bada l’inflazione.