Secondo l’amministratore delegato, Pemex prevede un raro profitto annuale

Secondo l’amministratore delegato Octavio Romero, la compagnia petrolifera Pemex dello Stato messicano prevede di registrare un raro profitto annuale con due trimestri consecutivi in attivo e un aumento della produzione di greggio da nuovi settori.
 
In più di dieci anni, la Pemex avrà il suo primo profitto annuale, se verrà riconosciuto. Per decenni è stata in rosso a causa di un pagamento di tasse record e di notevoli contraccolpi da parte della sua unità siderurgica.
 
Giovedì scorso la compagnia petrolifera messicana ha annunciato un utile di 6,5 miliardi di dollari nel secondo trimestre, alimentato dall’aumento dei prezzi che ha fatto crescere le compagnie petrolifere di tutto il mondo e da un notevole calo del carico fiscale.
 
Il produttore statale ha realizzato circa 12,7 miliardi di dollari di profitti nel primo semestre, a fronte di 23 miliardi di dollari di perdite nello stesso periodo dell’anno scorso.
 
In un’intervista rilasciata giovedì, Romero ha dichiarato che “alla Pemex, la nostra grande decisione sarebbe quella di investire e continuare a investire dopo una condizione così brutta e spiacevole”, riferendosi agli anni precedenti, quando il prezzo del petrolio era molto più basso.
 
Romero, fidato consigliere del presidente Andres Manuel Lopez Obrador, ha minimizzato la necessità di un ulteriore rifinanziamento del debito della Pemex, affermando che i forti flussi di entrate dovrebbero essere sufficienti a pagare i 2,9 miliardi di dollari di rimborsi ordinari dovuti quest’anno.
 
Per quanto riguarda la necessità di nuove operazioni di modifica del prestito, ha dichiarato: “Ci scommetto contro”, anche se non ha escluso la possibilità se la situazione dovesse cambiare. Il debito finanziario totale della Pemex è stato rivelato essere di 108,1 miliardi di dollari.
 
Il Presidente della Pemex ha continuato prevedendo che la produzione di petrolio della società aumenterà entro la fine dell’anno dall’attuale livello di 1,7 milioni di bpd a circa 1,9 bpd grazie all’imminente produzione di circa 40 campi prioritari.