Secondo Janet Yellen, l’economia statunitense è “straordinariamente solida”

Secondo il Segretario al Tesoro Janet Yellen, l’industria statunitense non è in una fase di recessione perché non soddisfa i severi requisiti necessari per qualificarsi.


La Yellen ha parlato dopo l’annuncio dei dati sul PIL, che hanno mostrato un calo della crescita per il secondo trimestre.


Coloro che definiscono una recessione quando il PIL diminuisce per due trimestri consecutivi non sono d’accordo con la valutazione della Yellen. Alcuni analisti economici, tuttavia, ritengono che le cause di una crisi siano più intricate di quanto ritenuto in precedenza.


Dopo un calo di oltre un punto base nei 90 giorni precedenti, il PIL degli Stati Uniti è diminuito di un insolito 0,9% nel 2° trimestre.


Con un’inflazione che ha raggiunto il picco del 9,1% in quattro decadi, gli americani stanno discutendo se acquistare beni di prima necessità come il cibo o investimenti più rischiosi come le criptovalute. Dall’inizio dell’anno, il valore di bitcoin (BTC), ether (ETH) e altre importanti valute alternative è sceso di circa il 50%.


 
Tuttavia, il fatto che le imprese statunitensi abbiano aggiunto 372.000 posizioni a giugno suggerisce che c’è ancora denaro disponibile sul mercato per sostenere le aziende in crescita.


Secondo la Yellen, il mercato del lavoro ha perso una quantità considerevole di posti di lavoro durante le precedenti recessioni, ma questa non è la situazione attuale.


In definitiva, ha affermato la Yellen, “il National Bureau of Economic Research [apartitico] sarà l’arbitro ufficiale di ciò che costituisce una crisi. Decideranno loro in un secondo momento”.