Robinhood licenzia quasi un quarto dei suoi dipendenti

Robinhood (HOOD) sta licenziando 780 persone, pari a circa il 23% della sua forza lavoro, per ridurre ulteriormente le spese a seguito del continuo calo dei clienti attivi mensili sul sito.

Si tratta della seconda tornata di licenziamenti dell’azienda quest’anno, che in precedenza aveva già tagliato il 9% del personale.

Oltre ad altri aggiustamenti all’interno dell’azienda, il Chief Product Officer Aparna Chennapragada ha rassegnato oggi le dimissioni, ma continuerà a fornire consulenza all’amministratore delegato fino al 2 gennaio, come si legge in un documento.

Nel secondo trimestre, il reddito basato sulle transazioni è sceso del 7% consecutivamente a 202 milioni di dollari, con un calo del 19% del reddito da azioni e un calo dell’11% del reddito da opzioni.

I ricavi da criptovalute sono aumentati del 7% consecutivamente, raggiungendo i 58 milioni di dollari.

L’utilizzo medio mensile (MAU) è sceso a 14 milioni dai 15,9 milioni del 1° trimestre. I MAU hanno raggiunto i 21,3 milioni nel 2° trimestre del 2021.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Nel 2° trimestre, l’EBITDA rettificato ha registrato un deficit di 80 milioni di dollari, in calo rispetto al deficit di 143 milioni di dollari del trimestre precedente.

L’azienda ha dichiarato che continuerà a impegnarsi per raggiungere un tasso di esecuzione positivo dell’EBITDA rettificato entro la fine di quest’anno.

Le spese per il licenziamento dei lavoratori e i benefici dovrebbero costare alla società tra i 30 e i 40 milioni di dollari in contanti per la riorganizzazione e gli oneri correlati.

Robinhood ha dichiarato che intende lanciare il suo portafoglio di criptovalute non custodito nel corso dell’anno.

Nelle contrattazioni post-mercato, le azioni HOOD sono scese di circa il 3%. La conferenza stampa sugli utili è prevista per mercoledì pomeriggio, dopo la chiusura delle contrattazioni.