Rio de Janeiro, Brasile, sta per consentire il pagamento delle tasse sui beni digitali

Rio de Janeiro permetterà ai suoi abitanti di pagare le tasse locali in risorse informatiche a partire dal 2023, come ha rivelato un comunicato diffuso questa settimana. La mossa è stata dichiarata per la prima volta in primavera dal capo del municipio Eduardo Paes.

“Il nostro lavoro qui è quello di chiarire che nella città di Rio abbiamo delle unità ufficiali che percepiscono questo mercato. Attualmente le persone che investono risorse in moneta digitale e che vivono nella città di Rio vorranno effettivamente spendere queste risorse qui, pagando le tasse delle autorità della città di Rio. Inoltre, continueremo su questa strada”, ha dichiarato il capo del municipio.

Paes ha ora distribuito una dichiarazione che invita a presentare candidature da parte di cooperative specializzate in risorse virtuali che desiderano gestire rate di risorse informatiche a partire dal 2023. La dichiarazione non contiene informazioni sull’interazione o su quali risorse informatiche la città riconoscerà come rate. In ogni caso, ha lasciato intendere che gli occupanti avranno un paio di scelte e che presto aggiungerà l’elenco delle risorse riconosciute.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

“Rio de Janeiro è una città mondiale”, ha dichiarato il presidente Paes. “Per questo seguiamo l’innovazione e i progressi monetari nell’universo delle risorse monetarie computerizzate. Guardiamo al futuro e dobbiamo diventare la capitale dello sviluppo e dell’innovazione del Paese. La nostra città è la prima in Brasile a offrire ai cittadini questo tipo di rateizzazione”.

Mentre gli occupanti pagheranno le rate in risorse avanzate, il governo regionale otterrà solo i beni in denaro. Dipenderà dai VASP suoi complici per passare le risorse informatiche senza spese aggiuntive ai cittadini. Il capo del municipio Paes è stato a lungo un alleato delle risorse informatiche. A gennaio ha deciso di destinare l’1% dei depositi della città alle risorse informatiche.