Renault annuncia una collaborazione con Sandbox per introdurre gli incontri automobilistici nel mondo virtuale

Renault, una delle più grandi case automobilistiche dell’universo, ha stretto una partnership con The Sandbox per essere attiva nel suo universo digitale multiverso. L’affiliata coreana dell’azienda si occuperà di questo, sviluppando l’impronta del marchio nell’area attraverso diverse attività automobilistiche che avvieranno i clienti digitali ai prodotti dell’azienda.

Queste esperienze automobilistiche sono destinate a potenziare il sistema The Sandbox e a consentire a Renault di entrare in contatto con un pubblico più ampio, aumentando la possibile base di clienti per le sue linee di prodotti.

Cindy Lee, CEO di The Sandbox Korea, ha sottolineato che la collaborazione è un brillante esempio di lavoro di squadra. The Sandbox può crescere senza tener conto dei limiti industriali. In The Sandbox, possiamo creare nuove forme di incontro che fondono veicoli e prodotti digitali.

La portata della collaborazione e la forma delle interazioni che genererà non sono state rese note durante il periodo. Renault si è aggiunta alla lista di organizzazioni e consumatori che si sono già affermati nell’ecosistema del mondo virtuale basato su Ethereum.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Renault non è certo la prima casa automobilistica a prendere in considerazione la possibilità di inserire i propri beni nel multiverso. In realtà, per queste aziende, il mondo virtuale si è evoluto in un luogo preferito. Ad aprile, Volkswagen ha lanciato la campagna pubblicitaria “Game On”, in cui i clienti dovevano cercare NFT in un mondo virtuale.

Il produttore giapponese Nissan ha utilizzato il mondo virtuale per presentare uno dei suoi veicoli elettrici più recenti, la Sakura. L’azienda ha creato un mondo virtuale in cui i potenziali consumatori potevano provare l’auto ed esaminarne le caratteristiche e l’aspetto.

Hyundai ha mostrato le possibilità di trasporto future in uno studio automobilistico digitale basato nel metaverso gestito da Naver Z, il pianeta Zepeto.