Rakesh Jhunjhunwala: Cosa ha reso il grande toro un orso quando si è trattato di startup e criptovalute?

Rakesh Jhunjhunwala, morto il 14 agosto a Mumbai all’età di 62 anni, è stato soprannominato “il Warren Buffet dell’India” per i punti in comune delle sue tendenze di investimento con l’esperto trader americano. I parallelismi, invece della prudenza, si sono allargati alle criptovalute e alle startup new age affamate di denaro.

In numerose attività mediatiche, Jhunjhunwala ha ripetuto le osservazioni di Buffet sull’importanza di flussi di cassa sani per le imprese. Quest’anno Jhunjhunwala ha dichiarato alla CNBC-TV18 che i costi in tutto il mondo sono “schiavi dei flussi di cassa e dei profitti”.

In un altro intervento sui media, Jhunjhunwala ha dichiarato che un’azienda ha bisogno di possibilità, parsimonia, governance, innovazione e capacità di cambiare e che se la corsa è già iniziata, vincerà la tartaruga, non il coniglio.

Jhunjhunwala aveva prenotato sulle criptovalute, così come sulle strategie di marketing ad alto consumo di denaro.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Jhunjhunwala ha dichiarato che l’incertezza quotidiana delle criptovalute lo ha tenuto lontano e non acquisterà Bitcoin nemmeno per 5 dollari.

In un’altra intervista, ha dichiarato che le classi di investitori delle azioni e delle criptovalute sono completamente diverse e che le criptovalute crolleranno un giorno.

Sostiene che, poiché non c’è controllo sull’offerta di criptovalute, non c’è controllo sul valore di nessuna cripto.