PWC Middle East presenta una strategia di mediazione in tre fasi per la legislazione sui beni virtuali negli EAU

PricewaterhouseCoopers (PwC), Medio Oriente, ha pubblicato una nuova ricerca intitolata “The UAE Virtual Assets Market” (Il mercato dei beni virtuali negli Emirati Arabi Uniti), in cui le quattro grandi società di revisione contabile hanno presentato le loro opinioni su come gli Emirati Arabi Uniti siano emersi come uno dei mercati dei beni digitali in più rapido sviluppo.


Secondo PwC Middle East, lo studio propone anche una strategia di mediazione in tre fasi che le autorità degli Emirati Arabi Uniti possono adottare per garantire una visibilità sostenuta e l’adesione allo sviluppo a lungo termine del settore.


Gli EAU hanno raggiunto questo traguardo impegnandosi a implementare la legislazione e a prevenire l’uso illegale degli asset digitali. PwC ha sottolineato questo aspetto facendo riferimento alla recente attuazione da parte di Dubai della legge sui beni virtuali e alla creazione del VARA di Dubai.


L’azienda avverte, tuttavia, che l’adozione di asset virtuali senza una struttura ragionevole può causare difficoltà. Secondo Mahmoud Al Salah, il raggiungimento di questo equilibrio rappresenta una preoccupazione politica e strategica cruciale per gli EAU.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!


In base a questa preoccupazione, PwC ha suggerito una strategia di mediazione in tre fasi per le leggi che il governo può utilizzare, che comprende la definizione di una legislazione esplicita e completa, la promozione dell’autoregolamentazione del settore e l’impegno con gli alleati globali del settore.


È interessante notare che gli EAU hanno già intrapreso questa strada. Dopo l’approvazione della legge sui beni virtuali, gli Emirati hanno avviato diversi sforzi per fornire ulteriori linee guida e vantaggi al settore. A luglio Dubai ha avviato una strategia multiverso, diventando una delle prime dieci economie metaverse del mondo.


Ha istituito il Dubai Digital Assets Business Group (D2A2) all’interno della Camera dell’economia digitale delle Camere di Dubai. La responsabilità principale del gruppo è quella di estrarre vantaggi di crescita industriale dal settore degli asset virtuali in espansione.