Prima della riunione dell’OPEC, i prezzi del petrolio scendono

Prima della riunione dell’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC) e dei suoi alleati, prevista in giornata, i prezzi del greggio sono scesi nei primi scambi di mercoledì.

In una conferenza virtuale prevista per mercoledì, l’OPEC e i suoi partner decideranno la loro strategia di produzione per il futuro.

All’Intercontinental Exchange, il prezzo del barile di Brent per il mese di ottobre è attualmente di 100,04 dollari, in calo di 0,50 dollari rispetto alla stima precedente.

Sul NYMEX, il contratto West Texas Intermediate (WTI) per settembre è sceso dello 0,41% a 94,03 dollari al barile.

Gli investitori hanno tenuto d’occhio anche la visita a Taiwan del presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi, che potrebbe acuire le tensioni tra Stati Uniti e Cina e aumentare le preoccupazioni geopolitiche.

A causa dei vincoli di capacità e delle previsioni di una domanda in calo, non si prevede che l’OPEC aumenti considerevolmente la produzione.

Tuttavia, gli operatori di mercato sono interessati a sapere se il Presidente degli Stati Uniti è riuscito a convincere l’Arabia Saudita ad aumentare la produzione”, ha dichiarato Ravindra Rao, responsabile della ricerca sulle materie prime di Kotak Securities.

Si prevede che il rapporto dell’EIA sugli inventari degli Stati Uniti mostri una riduzione delle scorte di greggio e di benzina.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading sull’oro>>>è gratis

Ma secondo il rapporto API, i livelli delle scorte di petrolio sono inaspettatamente aumentati, mentre quelli della benzina sono leggermente diminuiti.

Sebbene le preoccupazioni per la crescita e l’instabilità del clima di rischio possano mantenere la pressione sui prezzi, il greggio potrebbe rimanere senza direzione prima delle scorte e della decisione dell’OPEC”, ha dichiarato.

Le scorte di greggio negli Stati Uniti sono aumentate di 2,2 milioni di barili, secondo il rapporto API pubblicato martedì.

Alla luce dell’esito della riunione dell’OPEC+ e dei rapporti settimanali dell’EIA sugli inventari degli Stati Uniti, si prevede che i prezzi del greggio rimarranno volatili nella sessione odierna, secondo il vicepresidente di Mehta Equities per le materie prime Kalantri.

Per controllare l’inflazione, i responsabili politici della Federal Reserve statunitense hanno dichiarato martedì che l’istituto continuerà a inasprire la politica monetaria. Questa azione potrebbe influenzare la domanda e aumentare i timori sulla crescita economica, con conseguente aumento dei prezzi del petrolio.