Prima della riunione dell’OPEC+, i prezzi del petrolio calano

Gli investitori si sono preparati all’incontro di questa settimana tra l’OPEC e gli altri principali produttori per discutere delle modifiche all’offerta, mentre i prezzi del petrolio sono scesi nelle prime ore di lunedì.

Alle 00.00 GMT, il prezzo dei futures sul Brent era in calo di 63 centesimi, o dello 0,6%, a 103,34 dollari al barile. Dopo aver toccato il minimo della sessione a 97,55 dollari all’inizio delle contrattazioni in Asia, il West Texas Intermediate statunitense è stato scambiato a 97,87 dollari al barile, con un calo di 75 centesimi, pari allo 0,7%.

Con l’aumento della propensione al rischio degli investitori, entrambi i contratti hanno recuperato più di 2 dollari al barile venerdì. Tuttavia, a causa dell’aumento dell’inflazione e dei tassi di interesse, che stanno sollevando preoccupazioni per una potenziale recessione che ridurrebbe la domanda di carburante, il Brent e il WTI hanno concluso il mese di luglio con la seconda perdita mensile consecutiva per la prima volta dal 2020.


Secondo gli analisti di ANZ, le vendite di carburante agli automobilisti in Gran Bretagna sono in calo, sebbene il consumo di benzina in questo periodo dell’anno sia ancora inferiore alla media quinquennale. Per la prima volta da aprile, gli analisti di un sondaggio Reuter’s hanno diminuito le loro aspettative per i prezzi medi del Brent nel 2022 a 105,75 dollari al barile e a 101,28 dollari per il WTI.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading sull’oro>>>è gratis

OPEC – L’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio e i suoi alleati, tra cui la Russia, si riuniranno mercoledì per discutere della produzione di settembre.

Secondo due delle otto fonti OPEC+ intervistate da Reuters, un leggero aumento per il mese di settembre verrà affrontato durante la riunione del 3 agosto; le altre sei hanno dichiarato che la produzione rimarrà probabilmente invariata.

Il mese scorso il presidente Joe Biden ha visitato l’Arabia Saudita. Sebbene non ci siano stati risultati immediati per il petrolio dal viaggio del Presidente Biden in Arabia Saudita, l’analista di RBC Capital Helima Croft ha scritto in una nota che crede che il Regno ricambierà continuando ad aumentare costantemente la produzione.

L’OPEC+ ha completamente invertito i tagli record alla produzione dopo lo scoppio del COVID-19 del 2020. Secondo il quotidiano del Kuwait Alrai, il nuovo segretario generale del gruppo Haitham al-Ghais ha ribadito domenica che la partecipazione della Russia all’OPEC+ è essenziale per il successo dell’accordo.
Nel frattempo, la produzione petrolifera degli Stati Uniti ha continuato ad aumentare, mentre il numero di impianti di perforazione è cresciuto di 11 unità a luglio, per il 23° mese consecutivo.