Nomad Bridge è stato derubato di circa 200 milioni di dollari grazie allo sfruttamento

Lunedì Nomad è stato violato e gli hacker hanno sottratto quasi tutto il denaro del sistema.
Il valore complessivo delle criptovalute perse a causa dell’attacco è stato di quasi 200 milioni di dollari.

Come altri ponti cross-chain, Nomad permette ai consumatori di inviare e ricevere token tra le blockchain.

L’incidente di lunedì è l’ultimo di una serie di casi di alto profilo che hanno messo in dubbio la sicurezza dei bridge cross-chain.

CoinDesk ha contattato Nomad per avere chiarimenti, ma al momento della pubblicazione non ha ancora ricevuto risposta. Il team ha dichiarato in un tweet che stava esaminando il problema.

I bridge operano tipicamente criptando le monete in un contratto su una rete e poi ripubblicando quei token in forma “impacchettata”.

Se il contratto in cui i token sono originariamente depositati viene violato, come nel caso di Nomad, i token avvolti perdono il loro supporto e diventano inutili.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Su Twitter, Sam Sun, analista della società di investimenti in criptovalute Paradigm, ha rivelato che un recente aggiornamento di uno dei contratti di Nomad ha reso semplice per i clienti falsificare le transazioni, consentendo loro di trasferire dal ponte fondi che non appartengono a loro.

L’hack del ponte Ronin di aprile ha visto il drenaggio di oltre 600 milioni di dollari in criptovalute dal ponte che gestisce il gioco Axie Infinity, rendendolo il più grande hack della DeFi.

Pochi mesi prima, il ponte Wormhole era stato derubato di quasi 300 milioni di dollari, creando una devastazione del sistema blockchain Solana e della più ampia infrastruttura di finanza decentralizzata (DeFi).

Nomad ha convinto gli operatori che sarebbe stato intrinsecamente più sicuro dei sistemi concorrenti.

Solo la settimana scorsa è stato riferito che i giganti delle criptovalute Coinbase Ventures e OpenSea sono stati tra i finanziatori che hanno investito in un round di aprile che ha portato l’azienda a 225 milioni di dollari.