Ma tesla crede veramente nel Bitcoin?

L’azienda di veicoli è diventata nel tempo il punto di riferimento per tutti gli investitori senza esperienza, che si volevano approcciare al mondo delle crypto. Ma la recente vendita di bitcoin per circa 900 milioni di dollari, sta mettendo in dubbio tutta la retorica di Tesla sulle crypto.

Bitcoin è sceso drasticamente negli scambi di giovedì poiché i trader hanno digerito il giudizio di Tesla (TSLA) per rimuovere 936 milioni di dollari in bitcoin dai suoi bilanci durante il 2° trimestre.

La criptovaluta più preziosa in base alla valutazione di mercato è stata recentemente scambiata a circa 23.00 dollari, stabile di oltre 1/2 punto percentuale nel 1 giorno precedente.

L’impatto del CEO di Tesla Elon Musk tra i trader di asset virtuali è stato evidenziato dalla seconda regolare flessione consecutiva subito dopo un rally di inizio settimana.

I commenti di Musk su bitcoin e dogecoin (DOGE) hanno mandato su e giù le industrie per quegli investimenti per gran parte degli ultimi due anni.

Tuttavia, l’analista senior Edward Moya ha riconosciuto che, nonostante l’inverno delle criptovalute e le osservazioni di Musk un mese prima al Qatar Economic Forum di non suggerire agli utenti di investire in criptovalute, gli investitori non avrebbero dovuto essere stupiti dall’assistenza di Musk per il commercio.

I mercati azionari sono saliti giovedì, anche se non così fortemente come le criptovalute.

Il Nasdaq, ad alto contenuto tecnologico, ha guadagnato l’1,3%, mentre l’S&P 500 ha guadagnato quasi un punto base.

Le azioni hanno recentemente trovato un terreno comune a seguito di rapporti sugli utili migliori del previsto di molte grandi società, più recentemente Tesla e Netflix.

L’aumento dell’inflazione è ancora un problema importante negli Stati Uniti e altrove, poiché la Banca centrale europea ha aumentato i tassi sui prestiti per la prima volta in undici anni.