L’oro rimane nel range dei 1.700 dollari

I “pro oro” hanno stabilito la loro prima vittoria della settimana, visto che la decrescita del metallo giallo è terminata dopo 5 settimane.

L’analista ha affermato che con un’oncia nel minimo di 1.700 dollari, l’oro potrebbe essere suscettibile ed entrare nel range dei 1.600 dollari la prossima settimana. Da valutare l’impatto che avrà l‘aumento del tasso della Federal Reserve in programma a fine luglio.

Il capo di OANDA, Ed Moya, ha affermato che l’oro sta recuperando terrendo e una crescita economica debole lo spingerà prima verso una resistenza a 1750 dollari e poi a 1.800 dollari.

Il tasso obiettivo delle azioni d’oro per la consegna di agosto su Comex di News York si è stabilizzato di 13 dollari a 1.727,40 dollari l’oncia, dopo essere precipitato, giovedì, verso il minimo da sedici mesi a 1.680,96 dollari.

L’oro, nell’ultima settimana, è aumentato dell’1,4%, dopo il calo durato 5 settimane, costato ai “rialziati” il 9% o 172 dollari.

Il guadagno è arrivato in una settimana particolare, l’oro aveva appena toccato il minimo da 2 settimane. Al contrario, il dollaro era salito a 109,14, il dato migliore dal 2002.

Dall’inizio di questa settimana, il dollaro è sceso e la sua riduzione è stata accelerata dopo che la Banca centrale europea (BCE), insieme ad altre banche centrali, ha deciso i tassi di interesse per combattere l’inflazione.

Il calo del dollaro è arrivato quando i dati del settore dei servizi statunitensi meno attesi hanno preso in considerazione il “sentiment”. S&P Global ha affermato che la lettura è scesa a 47 nei suoi recenti settori dei servizi, la previsione era di 52,6.