L’interruzione delle forniture nel Golfo degli Stati Uniti dovrebbe attenuarsi, spingendo i prezzi del petrolio al ribasso del 2%

Venerdì i prezzi del petrolio sono scesi di quasi il 2% perché gli investitori hanno scommesso che le interruzioni dell’approvvigionamento nel Golfo del Messico sarebbero state temporanee e che la domanda sarebbe rimasta debole.


Tuttavia, si prevedeva che i futures avrebbero registrato un profitto settimanale.


Il prezzo dei futures sul Brent è sceso di 1,45 dollari, o dell’1,5%, per terminare a 98,15 dollari al barile, mentre il costo del greggio West Texas Intermediate (WTI) statunitense è sceso di 2,25 dollari, o del 2,4%, per attestarsi a 92,09 dollari al barile. Giovedì, entrambi i contratti hanno registrato guadagni superiori al 2%.


Secondo l’analista Phil Flynn, “ci stiamo rilassando un po’ dopo il massiccio rialzo di ieri”.


Dopo il calo del 14% della settimana precedente, il Brent è rimbalzato del 3,4% tra i timori che lo sviluppo dell’economia e la domanda di benzina siano ostacolati dall’aumento dell’inflazione e dei tassi di interesse.
Secondo un funzionario portuale della Louisiana, sette piattaforme petrolifere offshore del Golfo del Messico sono state in grado di riprendere la produzione venerdì, dopo che gli equipaggi avevano previsto di riparare un tratto di oleodotto danneggiato entro la fine della giornata.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading>>>è gratis


La Shell, il più grande produttore statunitense di petrolio nel Golfo del Messico, ha annunciato giovedì di aver interrotto la produzione in tre piattaforme in acque profonde nelle vicinanze. Le tre piattaforme producevano complessivamente 410.000 barili di petrolio al giorno.
Secondo Cindy Babski, portavoce della Shell, uno dei due oleodotti interrotti dalla fuoriuscita, l’Amberjack, ha ripreso a funzionare a ritmo ridotto.


Inoltre, l’oleodotto Mars è rimasto inattivo, ma si prevede che riprenderà a funzionare venerdì.


Inoltre, il mercato ha preso in considerazione le previsioni sulla domanda divergenti dell’OPEC e dell’AIE (Agenzia Internazionale dell’Energia).


Alla fine dell’anno, scadrà un’emissione coordinata di energia della durata di sei mesi concordata dagli Stati Uniti e da altre nazioni chiave. Allo stesso tempo, si prevede che le sanzioni europee sul petrolio russo diventeranno più severe nel corso dell’anno.


A seguito del passaggio dal gas al petrolio nella produzione di energia, l’AIE ha aumentato le previsioni di crescita della domanda a 2,1 milioni di bpd.


Inoltre, l’AIE ha aumentato le previsioni sull’offerta di petrolio russo di 500.000 bpd per la seconda metà del 2022 e ha previsto che l’OPEC avrà difficoltà ad aumentare la produzione.