L’indice DAX 40 sale grazie alla reazione positiva degli investitori ai forti utili e ai rialzi dei tassi della Fed

I mercati hanno aperto la settimana in modo positivo per il DAX, in quanto gli investitori hanno accolto altri utili societari, mentre l’IPC statunitense è previsto per la fine della settimana. A causa dello straordinario rapporto sui salari non agricoli della scorsa settimana, l’importanza di questa pubblicazione è aumentata.

Siemens Energy (ENR1n) ha invertito la tendenza lunedì, con il titolo in calo del 3,9% dopo che il fornitore di apparecchiature elettriche ha avvertito di una perdita netta più profonda del previsto nel 2022, annunciando un onere di circa 200 milioni di euro (204 milioni di dollari) dovuto alla riforma delle sue attività in Russia. Alcune operazioni di fusione e acquisizione hanno aiutato l’umore del mercato, il che è una buona notizia.

Con un rialzo dei tassi da parte della Banca Centrale Europea (BCE), il primo dal 2011, e una possibile recessione, gli investitori obbligazionari europei stanno affrontando alcune delle condizioni di mercato più volatili mai registrate. Quest’anno il rendimento dell’obbligazione di riferimento della Germania ha oscillato di 10 punti base per oltre 80 giorni, come era accaduto solo una volta nel 2021.

Il costo della copertura sui mercati dei tassi in euro è aumentato drasticamente. Phillip Pearce, associato di Validus Risk Management, ha dichiarato: “La volatilità dei tassi ha visto un’impennata di attività”. Parafrasando, “senza istruzioni definitive, il mercato è autorizzato a prezzare tutto ciò che i dati meritano”.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro>>>subito per te 100mila euro per fare pratica nel forex trading

Le ripercussioni sono piuttosto reali. Secondo gli investitori, la difficoltà di piazzare ordini in alcuni segmenti di mercato sta aumentando. Le imprese europee esitano a concedere prestiti o a pagare costose garanzie contro le fluttuazioni del mercato.

Sebbene l’ambiente attuale sia il sogno dei trader, alcuni partecipanti al mercato esitano ad accettare scommesse più importanti, causando un ciclo auto-amplificativo di oscillazioni più profonde a causa dell’esaurimento della disponibilità. Negli ultimi quattro mesi, il rendimento tedesco a due anni ha terminato la giornata con un calo di tre volte e un aumento di 20 punti base. Non si verificavano variazioni maggiori dalla crisi dell’eurozona nel 2011.

Il rapporto di agosto è previsto per mercoledì e gli investitori ascolteranno anche diversi oratori della Fed nel corso della settimana. I responsabili politici sono nuovamente in grado di portare a termine un terzo rialzo dei tassi di 75 punti base nella riunione di settembre. Mercoledì saranno pubblicati anche i dati finali sull’inflazione in Germania, che potrebbero fornire agli investitori ulteriori indicazioni.