L’FBI lancia un avvertimento sugli hackeraggi della finanza decentralizzata e sui rischi ad essi collegati

L’FBI è a conoscenza dell’interesse dei truffatori per i sistemi di finanza decentralizzata (defi) per interrompere le loro attività. L’agenzia ha rilasciato una dichiarazione di servizio pubblico per informare i trader e le reti defi su questa mossa e sui suggerimenti per aiutare a prevenire futuri sfruttamenti.

L’FBI ha identificato tre ultime violazioni in cui gli hacker hanno compromesso le linee guida della finanza decentralizzata:

● Avvio di debiti flash.
● Utilizzando conferme di marchio per liberare strutture multipiattaforma.
Modificare le combinazioni di costo delle criptovalute utilizzando gli oracoli usati per aggiornare il costo di un asset crittografico in tempo reale.

Secondo quanto riportato, questi exploit sono costati alle aziende defi e ai loro trader 358 milioni di dollari.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Se da un lato l’avviso di servizio sottolinea che le transazioni sono rischiose e che i trader di queste reti dovrebbero ottenere una guida finanziaria, dall’altro l’FBI fornisce anche suggerimenti per evitare siti web di defi sospetti.

Questi suggerimenti prevedono la ricerca di sistemi prima di investirvi, l’investimento solo in sistemi con verifiche da parte di singoli soggetti per ridurre al minimo la possibilità di hacking e la consapevolezza delle modifiche che il codice finanziato in crowdfunding alla base di questi sistemi può subire a causa del gran numero di utenti che si connettono a tali repository.

Ma non tutti i suggerimenti erano rivolti ai trader, poiché i protocolli decentralizzati sono ugualmente responsabili della riduzione della frequenza e della gravità di questi incidenti. Il gruppo esorta i protocolli DeFi a includere strumenti di monitoraggio in tempo reale per identificare la probabilità di pericolo valutando e identificando le attività sospette per affrontare tali situazioni avvertendo i trader.

A luglio, l’FBI ha lanciato un allarme sulle frodi di estrazione di liquidità e sui rischi delle applicazioni crittografiche fasulle che mirano a rubare bitcoin agli utenti.