Le preoccupazioni per il patto Russia-Ucraina fanno salire il grano; stabili il mais e i fagioli di soia

Mercoledì, mentre la Russia criticava un accordo per l’esportazione di grano ucraino durante il conflitto, i futures statunitensi sul grano sono saliti del 3,1% al livello più alto in quasi due mesi. Questo ha scatenato ulteriori preoccupazioni sul flusso di materie prime in uscita dal cruciale centro di transito del Mar Nero.

I semi di soia si sono stabilizzati dopo aver subito un calo in 5 delle ultime 6 sessioni, mentre i futures del mais sono scesi su una battuta d’arresto strutturale dopo aver raggiunto il massimo dal 27 giugno, poco prima dell’alba.

Vladimir Putin, presidente della Russia, ha affermato mercoledì che un accordo sull’esportazione di grano tra l’Ucraina e le Nazioni Unite ha “imbrogliato” la Russia e le economie emergenti. Ha promesso di lavorare per modificare le disposizioni dell’accordo per limitare le nazioni che possono accettare le spedizioni.

Secondo Arlan Suderman, analista senior di materie prime presso il brokeraggio StoneX, “Putin non ha alcun incentivo a vedere l’Ucraina guadagnare dalle vendite massicce di grano in un momento in cui le esportazioni dalla sua nazione sono letargiche dopo un grande raccolto”. “I guadagni sostengono la capacità di autodifesa dell’Ucraina, il che contraddice l’obiettivo generale della Russia”.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading>>>è gratis

L’aumento delle spedizioni ucraine lungo la rotta del Mar Nero e il calo dei prezzi delle forniture russe e ucraine hanno recentemente frenato le contrattazioni dei futures sul grano.

Le osservazioni di Mosca, tuttavia, hanno evidenziato la posizione precaria della regione del Mar Nero, data l’invasione di sei mesi dell’Ucraina da parte della Russia e il persistere delle sanzioni occidentali contro Mosca.

Un trader europeo afferma che “il mercato sta valutando le ipotesi peggiori, come la chiusura del corridoio del grano”.

Il mais sul CBOT per dicembre è sceso di 2 centesimi a 6,74 dollari per bushel, mentre la soia sul CBOT per novembre è aumentata di 3/4 centesimi a 13,99 dollari per bushel.

Secondo i dati doganali pubblicati mercoledì, ad agosto la Cina ha importato il 24,5% di soia in meno rispetto all’anno precedente.