Le esportazioni di greggio della Russia indeboliscono la quota di mercato del Medio Oriente e degli Stati Uniti in India

In uno dei settori più redditizi del mondo, l’insaziabile richiesta indiana di uno sconto speciale per il petrolio russo sta mettendo in crisi i venditori convenzionali dal Medio Oriente agli Stati Uniti e all’Africa.

Secondo la Cellula di Pianificazione e Analisi del Petrolio del Ministero del Petrolio, il contributo della regione eurasiatica alle importazioni complessive di petrolio dell’India ha raggiunto la cifra record del 18,8% nel periodo aprile-giugno, rispetto al 3,4% dell’anno precedente.

Dalla regione, l’altro fornitore regolare, l’Azerbaigian, rappresenta una quota minore.

Anche le importazioni di petrolio dalla principale regione di approvvigionamento dell’India, il Medio Oriente, sarebbero diminuite del 61,9% rispetto al 63,9%. A causa di ciò, il Medio Oriente ha dovuto affrontare diversi inconvenienti nell’importazione di petrolio. Nel frattempo, le importazioni dall’organizzazione OPEC, o Paesi esportatori di petrolio, sono scese al 64,8% del totale dei prodotti importati nel periodo aprile-giugno, rispetto al 69,7% dell’anno precedente.

L’India ha iniziato a ottenere un aumento delle importazioni dagli Stati Uniti da quando ha iniziato le esportazioni alla fine del 2015 per ridurre completamente la sua dipendenza dal Medio Oriente per le fonti di approvvigionamento di petrolio. L’India ha già cercato di diversificare le sue fonti di approvvigionamento di petrolio con la stessa intenzione; i risultati futuri sono ancora da vedere.

Secondo i dati riportati, gli acquisti dal Nord America, che comprende anche Stati Uniti, Messico e Canada, si sono dimezzati rispetto all’anno precedente, passando inevitabilmente al 6,8%, mentre l’Africa è scesa al 9,2% dal 13,6%.

La più grande regione consumatrice di petrolio di tutto il mondo ha visto il petrolio russo spingersi sempre più verso i mercati cinese e indiano e la redditività dell’Arabia Saudita e dell’Iraq.

I raffinatori indiani sembrano ora rifornirsi di barili russi a basso costo più che mai dopo l’invasione dell’Ucraina.