L’approccio da leader bucaniere di Jesse Powell potrebbe essere la nuova realtà dell’inverno delle criptovalute

L’amministratore delegato di Kraken, Jesse Powell, ha avuto relazioni tese dopo che un articolo del New York Times ha descritto il “conflitto di gestione aziendale” della borsa di criptovalute e il suo successivo raddoppio, in cui ha criticato il “movimento attivista woke” e ha detto ai membri dello staff delusi di dimettersi.

Ma poi è successo qualcosa di insolito. Powell è stato sostenuto dalla maggioranza dei dipendenti di Kraken e da molti altri membri della comunità delle criptovalute. L’azienda è stata sommersa dal processo di assunzione.

Questo risultato può essere interpretato in almeno due modi.

Un vantaggio è che ha mostrato i reali desideri della maggior parte dei dipendenti della borsa, così come quelli degli individui della più ampia comunità delle criptovalute.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Un’altra percezione è che la mancanza di interesse per il pacchetto retributivo di quattro mesi di Kraken, soprannominato “Jet Ski Scheme”, indichi una transizione nel mercato del lavoro, soprattutto per quanto riguarda l’occupazione in criptovalute.

In ogni caso, l’ascesa di Kraken come scudo contro la “wokeness” sul posto di lavoro mette in evidenza uno dei dilemmi della gestione di un’attività di criptovaluta.

Il Bitcoin e i suoi replicanti e rivali sono politicamente neutrali, depositi di valore reale e mezzi di scambio che non si preoccupano delle filosofie di coloro che li utilizzano.