L’amministratore delegato di Sibanye Stillwater ritiene che le attuali circostanze economiche non siano favorevoli per un’acquisizione M&A nel settore dell’oro

L’amministratore delegato Neal Froneman ha dichiarato che il minatore sudafricano Sibanye Stillwater si concentra sulla stabilità operativa e sul contenimento dei costi, dato che il mercato non è favorevole alle fusioni e alle acquisizioni nel settore dell’oro.


A maggio, Yamana Resources, società canadese quotata alla Borsa di Toronto, è stata valutata 6,7 miliardi di dollari dall’annuncio dell’acquisizione della rivale sudafricana Gold Fields da parte di Sibanye.

A causa delle preoccupazioni per la diluizione e per il sostanziale premio rispetto al valore di Yamana, le azioni di Gold Fields sono scese del 20% il giorno della dichiarazione.

Official, che ha esortato i minatori d’oro a fondersi, ha risposto: “Le operazioni che aggiungono valore non sono possibili nel mercato attuale”.

Nell’assortimento di materie prime di Sibanye, l’oro rimane un bene cruciale: “Ci stiamo dirigendo verso una recessione, il che significa che ci saranno delle occasioni”.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading>>>è gratis

A seguito di una sospensione di sette settimane delle operazioni presso la miniera di Stillwater nel Montana a causa delle inondazioni, giovedì Sibanye ha abbassato le previsioni di produzione delle sue miniere statunitensi di PGM (metalli del gruppo del platino), con una perdita stimata di 60.000 once dal 2022.

Rispetto alla precedente stima di 550.000-580.000 once, Sibanye prevede che quest’anno la produzione di platino e palladio delle sue miniere PGM statunitensi sarà di 445.000-460.000 once.

In risposta alla crescente inflazione, alle restrizioni della catena di approvvigionamento, agli effetti del conflitto in Ucraina e alle mutate condizioni di mercato per il palladio, la principale materia prima delle miniere americane di Sibanye, l’azienda ha dichiarato di voler riconsiderare le proprie attività negli Stati Uniti.

Per ridurre la sua dipendenza dalla costosa manodopera a contratto, che di recente ha fatto lievitare i costi, Sibanye ha dichiarato che accelererà la crescita e si concentrerà sulla formazione e sul mantenimento dei dipendenti.