La bonanza petrolifera di questo decennio si sta espandendo a dismisura nell’offshore

Le compagnie petrolifere di tutto il mondo stanno investendo miliardi di dollari nelle trivellazioni offshore, invertendo un lungo calo delle spese per i progetti decennali, alcuni dei quali si trovano nelle desolate acque degli iceberg al largo della costa atlantica del Canada.

Il luogo è così distante dalla terraferma che entra in acque internazionali, rendendo necessario il pagamento di royalties da parte del Canada alle Nazioni Unite. L’Energy Regulation Quarterly sostiene che si tratterebbe di una prima mondiale e che dimostrerebbe quanto i produttori siano disposti a fare per assicurarsi forniture di petrolio che potrebbero durare fino a tre decenni.

Il prezzo medio di pareggio per la produzione di progetti offshore è di 18,10 dollari per ogni barile di petrolio equivalente, contro i 28,20 dollari degli sviluppi onshore.

In piedi nell’ultimo

Sebbene Ottawa abbia autorizzato il progetto Bay du Nord di Equinor per 16 miliardi di dollari (12,37 miliardi di dollari) in aprile, nonostante l’obiettivo del Paese di ridurre le emissioni del 40-45% rispetto ai livelli del 2005 entro il 2030, non sono emerse preoccupazioni ambientali sostanziali.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading>>>è gratis

Se il consumo di petrolio dovesse raggiungere un picco tra il 2025 e il 2030 e il fabbisogno mondiale di greggio venisse soddisfatto da regioni meno costose come il Medio Oriente, la Bay du Nord potrebbe diventare un asset abbandonato prima della fine della sua vita utile.

Tuttavia, Wood Mackenzie prevede che anche nello scenario più ottimistico di transizione energetica del 2050, la domanda di petrolio potrebbe dimezzarsi e aumentare.

Prezioso e delicato

Grazie all’enorme portata dei progetti, alle moderne tecnologie e a un modo più semplice di ridurre il flaring e la produzione di metano riciclando il calore, la produzione offshore produce meno carbonio per barile rispetto alla produzione onshore.

Altri colossi petroliferi europei si stanno ponendo obiettivi simili. BP e Shell PLC (SHEL.L) hanno dichiarato che continueranno a fare importanti investimenti offshore, pur riducendo gradualmente la loro produzione di petrolio. Ogni anno costruiscono una nuova piattaforma per il Golfo del Messico.

Circa un terzo della produzione mondiale di petrolio viene realizzato in mare aperto, ma questo numero potrebbe aumentare negli anni futuri.