In vista del discorso di Powell e della decisione sui tassi della BCE, l’oro scende mentre il dollaro rimane stabile

Mentre gli investitori cauti anticipano le dichiarazioni di Jerome Powell e la successiva decisione sui tassi di interesse della BCE, i prezzi dell’oro sono scesi giovedì a causa del dollaro forte che si è mantenuto vicino ai massimi precedenti.

Alle 0609 GMT, l’oro spot era in calo dello 0,1% a $1.716,59 per oncia, dopo un aumento di quasi l’1% mercoledì.

Il prezzo dei futures sull’oro statunitense era invariato a $1.728,00.

L’indice del dollaro è rimasto stabile vicino ai massimi di due decenni raggiunti nella sessione precedente.

Secondo l’amministratore delegato di GoldSilver Central dealer di Singapore, Brian Lan, “molti occhi sono incollati a ciò che Powell parlerà stasera e se c’è un’opinione su ciò che la Fed realizzerà alla fine del mese”.

Con le liquidazioni degli exchange-traded fund (ETF) e con molti investitori che si sono allontanati a causa dell’aumento dei tassi di interesse da parte della Fed, Lan ha proseguito affermando che l’oro non ha ancora recuperato il suo splendore come bene rifugio.

Powell parteciperà poi a un dibattito in occasione di un simposio del Cato Institute, che potrebbe essere la sua ultima occasione per parlare al pubblico prima della riunione politica del 20-21 settembre.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading>>>è gratis

Mercoledì i governatori della Fed hanno accennato a una continuazione dei rialzi aggressivi dei tassi della banca centrale, affermando di non essere ancora convinti che la parte peggiore del panico da inflazione negli Stati Uniti sia passata.

Si prevede che questo mese la Fed aumenterà il tasso di interesse di riferimento di 50-75 punti base.

Gli investitori hanno previsto che la BCE aumenterà i tassi di interesse in modo significativo per affrontare la crisi dell’inflazione quando annuncerà la sua politica alle 12:15 GMT, accompagnata in una conferenza stampa alle 12:45 GMT dal Presidente Christine Lagarde.

Negli altri mercati, il palladio è sceso dello 0,3% a 2.037,47 dollari l’oncia e il platino è diminuito dello 0,4% a 863,02 dollari l’oncia.