Il Tesoro degli Stati Uniti cerca contributi pubblici sul finanziamento illegale delle criptovalute e sulle minacce alla sicurezza pubblica

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha rilasciato martedì una dichiarazione in cui chiede a “persone interessate del pubblico di inviare contributi in base all’Ordine Esecutivo del 9 marzo 2022, ‘Garantire la crescita sostenibile degli asset virtuali'”.

Secondo l’avviso, il Dipartimento incoraggia anche le opinioni sul finanziamento illegale basato sugli asset digitali e sui rischi per la sicurezza nazionale, nonché sulla strategia d’azione annunciata pubblicamente per ridurre i rischi.

L’avviso prosegue dicendo che il Tesoro incoraggia i commenti su qualsiasi argomento che gli intervistati ritengano importante per gli sforzi in corso del Tesoro per analizzare i rischi di finanziamento criminale connessi agli asset digitali, nonché le misure in corso per ridurre al minimo tali rischi.

Secondo il Tesoro, il crescente utilizzo di beni virtuali nelle transazioni economiche solleva la possibilità di reati come la frode finanziaria, il sostegno al terrorismo e alla proliferazione, l’appropriazione indebita e gli schemi fraudolenti e la cattiva gestione. Queste attività illegali illustrano l’importanza di una sorveglianza continua dell’utilizzo degli asset virtuali, il grado di influenza che il progresso tecnologico può avere su tali azioni e la scoperta di possibilità per ridurre questi pericoli attraverso la legislazione, il monitoraggio, la sensibilizzazione dei cittadini, la supervisione e le forze di polizia.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Il Tesoro ha chiesto di rispondere a una serie di domande sui rischi di finanza illecita posti dai token non fungibili (NFT), dagli asset virtuali, dalla finanza decentralizzata (defi) e dalla tecnologia peer-to-peer.

Le questioni riguardano i problemi di finanza illecita, la legislazione e la supervisione antiriciclaggio e contro il finanziamento del terrorismo (AML/CFT), l’adozione a livello mondiale delle norme AML/CFT, il coinvolgimento del settore privato, le alternative AML/CFT e i CBDC.

Uno dei temi è quello di determinare come il Tesoro possa “sostenere al meglio l’applicazione efficace delle norme internazionali in materia di AML/CFT tra gli Stati per gli asset digitali”. Inoltre, il Dipartimento del Tesoro ha chiesto se ci sono regioni o territori specifici in cui gli Stati Uniti dovrebbero concentrare le proprie attività “per migliorare i regimi stranieri di AML/CFT relativi agli operatori di servizi di asset digitali”.