Il sito di blockchain chiude la custodia di criptovalute per i russi tra le sanzioni dell’UE

Il sito di blockchain chiuderà presto i conti di un cittadino russo, mentre anche aziende come Binance stanno lavorando per applicare le nuove sanzioni dell’Unione Europea.

Blockchain.com, fornitore di portafogli di criptovalute, è la recente società che ha cessato di fornire servizi ai cittadini russi a causa delle ultime sanzioni dell’UE.

Secondo l’agenzia di stampa locale, Blockchain.com ha comunicato ai suoi utenti che presto chiuderà tutti gli account dei cittadini russi entro due settimane.

Blockchain.com permetterà agli utenti russi di transare i loro fondi fino al 27 ottobre. Dopo tale data, i conti dei cittadini russi saranno bloccati.

La dichiarazione ha evidenziato che attualmente a Blockchain.com è vietato fornire i servizi di custodia e ricompensa ai cittadini russi, in linea con l’ottavo pacchetto di sanzioni dell’Unione Europea contro la Russia.

A differenza della precedente sanzione, che si limitava ai pagamenti in criptovaluta tra Russia e UE per un valore di circa 9.700 euro, l’ultimo pacchetto prevede un divieto generalizzato per i pagamenti in criptovaluta tra Russia e UE. Le nuove sanzioni sono state eseguite il 6 ottobre.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

I servizi di Blockchain.com non si limitano ai servizi di custodia. Gestisce anche un portafoglio non custodiale progettato per consentire agli utenti il pieno controllo degli asset. Allo stesso tempo, la società non ha accesso ai dati del portafoglio. Oltre al portafoglio non custodiale, il sito gestisce anche conti di trading custodiali che consentono agli utenti di acquistare e vendere criptovalute sulla piattaforma.

Tuttavia, non è chiaro se i clienti russi saranno in grado di recuperare l’accesso ai loro portafogli non depositati su Blockchain.com. La società non ha risposto immediatamente alla richiesta di commenti da parte di Cointelegraph.

Blockchain non è l’unica piattaforma a interrompere i servizi ai cittadini russi tra le ultime sanzioni. Anche l’importante sviluppatore di blockchain Dabber Labs ha sospeso gli account russi a causa della nuova sanzione dell’UE contro la Russia e i suoi cittadini.