Il regolatore britannico annuncia un aumento dell’80% dei prezzi dell’energia per ottobre

In risposta agli appelli dei gruppi di difesa, dei gruppi di ricerca e dei politici affinché il governo affronti la crisi del costo della vita, l’ente regolatore britannico per l’energia ha annunciato che aumenterà il tetto essenziale delle bollette energetiche dei consumatori da una media di 1.971 a 3.549 sterline all’anno.

Il tetto massimo dei prezzi in Inghilterra, Scozia e Galles limita l’importo di base che le società energetiche possono fatturare ai clienti residenziali per l’elettricità e il gas combinati, ma viene rivisto dall’Ofgem nel corso dell’anno per riflettere i prezzi del mercato al dettaglio e altre spese del settore.
Il sistema comprende oltre 24 milioni di abitazioni. L’aumento da 2.017 a 3.608 sterline interesserà 4,5 milioni di famiglie con accordi di pagamento anticipato.

In Irlanda del Nord, dove non si applica il tetto massimo, i fornitori sono liberi di aumentare i prezzi in qualsiasi momento con l’accordo di un’altra autorità di regolamentazione.

A causa dei bassi livelli di stoccaggio del gas in Europa e del calo delle importazioni di gasdotti dalla Russia a causa dell’invasione dell’Ucraina, l’aumento della domanda globale ha portato i prezzi del gas a livelli record nell’ultimo anno.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading>>>è gratis

Alla luce della recente volatilità del mercato, l’Ofgem ha annunciato all’inizio del mese che ricalcolerà il tetto massimo ogni 3 mesi anziché ogni 6 mesi.

Secondo Cornwall Insight, il tetto potrebbe raggiungere 4.649,72 sterline nel 1° trimestre 2023, 5.341,08 sterline. Nel secondo trimestre e a 4.767,97 sterline nel terzo trimestre.

Si tratta comunque di una cifra superiore all’attuale tetto di 1.971 sterline e alla bolletta media annuale di 1.400 sterline nell’ottobre 2021.

A luglio, il governo ha annunciato che avrebbe dato 400 sterline a tutte le case per sei mesi a partire da ottobre per aiutare a pagare le bollette, oltre a 650 sterline a 8 milioni di famiglie svantaggiate. Anche alcuni venditori hanno reso note le misure di assistenza ai clienti.

L’enormità del problema, che è stato paragonato in termini di impatto sulla popolazione alla pandemia di Covid-19 e al crollo finanziario del 2008, è stata aspramente criticata per non essere stata affrontata.