Il recente rialzo dello yen è temporaneo, dicono i due terzi degli strateghi

L’aumento del Giappone rispetto al dollaro USA dalla metà di luglio è un cambiamento temporaneo, secondo due terzi degli strateghi valutari, nonostante le incombenti preoccupazioni per l’economia mondiale che hanno controllato il rally USA della valuta.


Lo yen era in calo del 17,5% rispetto al dollaro USA solo tre settimane fa. A un certo punto, ha toccato un minimo di ventiquattro ore a 139,38 per dollaro. In seguito è risalito fino a 130,40, con un tasso del 6,9% in 2 settimane, prima di assestarsi al di sopra di tale livello.


L’ultimo scambio è avvenuto a 134 circa, con un calo del 14% su base annua.


Nel sondaggio condotto dall’1 al 3 agosto tra gli analisti valutari di tutto il mondo, 17 su 28 intervistati, ovvero il 61%, hanno affermato che la recente forza dello yen rispetto al dollaro non sarebbe durata.
Secondo gli analisti, probabilmente lo yen non ha subito un rally temporaneo perché la Banca del Giappone è rimasta un’eccezione tra le banche centrali mondiali, mantenendo una politica monetaria ultra-facile.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro>>>subito per te 100mila euro per fare pratica nel forex trading


Tony Nyman di Informa Global Markets ha affermato che lo yen rimarrà debole finché la Banca del Giappone manterrà la sua politica monetaria. Ha fatto riferimento al quadro della banca per limitare implicitamente il rendimento dei titoli di Stato giapponesi a 10 anni allo 0,25%.


L’aumento dei rendimenti dei Treasury statunitensi nel corso dell’anno ha messo sotto pressione i rendimenti dei JGB decennali, mandando la Banca del Giappone in fibrillazione per difendere il suo tetto di rendimento de facto con ingenti acquisti di obbligazioni che hanno alimentato lo scivolone dello yen.
La Banca del Giappone ha respinto con sicurezza le speculazioni su un eventuale aggiustamento del quadro dell’YCC per consentire ai rendimenti di riferimento di salire, il che potrebbe alleggerire la pressione sullo yen.


Anche gli strateghi che ritengono che il recente apprezzamento dello yen non sia a breve termine pensano che l’inversione di tendenza sarà lenta.