Il produttore europeo di rame Aurubis aumenta gli utili del 24% e mantiene le prospettive annuali

Il più grande riciclatore di rame in Europa, Aurubis, ha annunciato venerdì che, anche dopo l’inflazione che ha colpito i prezzi dell’energia, l’azienda è riuscita a mantenere le sue prospettive annuali con un guadagno del 24% stimato per l’anno finanziario in corso.


Il terzo trimestre della società si è chiuso il 30 giugno con 103 milioni di euro, molto più alti degli 83 milioni di euro dello stesso periodo dell’anno precedente.


Il produttore europeo di rame ha anche reso note le sue previsioni per l’anno 2021-2022, che indicano un EBT compreso tra i cinque e i seicento milioni di euro. Questa previsione è molto più alta della precedente, che si attestava tra i quattro e i cinque milioni di euro. Nonostante il disagio delle condizioni geografiche e le pressioni inflazionistiche globali, Aurubis è riuscita ad aumentare le previsioni.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading>>>è gratis


L’amministratore delegato dell’azienda, Roland Harings, ha dichiarato ai media: “La nostra azienda è ancora in grado di produrre senza alcuna limitazione, perché disponiamo di energia sufficiente per tutti i nostri siti”. Ha aggiunto che le recenti previsioni sono state formulate ipotizzando che Aurubis riceverà una fornitura continua di energia senza limitazioni.


Ha anche detto che la crescita di Aurubis è sostenuta principalmente dall’aumento dei costi di metalli come rame, nichel, stagno, ecc. Non solo, ma anche l’aumento dei costi di raffinazione e riciclaggio ha fatto salire le previsioni, insieme al recente aumento della domanda di prodotti in rame. Aurubis ipotizza che nel prossimo anno la domanda di tutti i suoi prodotti in rame rimarrà invariata o addirittura aumenterà.


Tuttavia, ci sono stati alcuni problemi, come la riduzione dei costi dei rottami di rame, l’aumento dei costi del gas e dell’elettricità e la chiusura programmata dello smelter di Amburgo per manutenzione. Questi fattori hanno messo un po’ sotto pressione le previsioni, ma i fattori positivi più importanti hanno reso possibile il raggiungimento dell’obiettivo.