Il primo grano ucraino spedito in base all’accordo ONU; ne seguiranno altri due

Secondo il ministero della Difesa turco, venerdì sono partite dai porti del Mar Nero in Ucraina altre due navi, una delle quali trasportava il primo grano ucraino esportato nell’ambito di un accordo facilitato dalle Nazioni Unite.

In seguito all’accordo con la Russia per consentire la ripresa delle spedizioni di grano dai porti ucraini del Mar Nero, ferme da cinque mesi a causa della guerra, nelle ultime due settimane sono partite dall’Ucraina un totale di 14 navi.

L’accordo è stato negoziato il mese scorso tra le preoccupazioni che la perdita delle forniture di grano ucraine avrebbe provocato catastrofiche carenze alimentari e forse anche l’insorgere di carestie in alcune aree del mondo.

Secondo il ministero della Difesa turco, la Sormovsky, battente bandiera del Belize, è partita venerdì dal porto ucraino di Chornomorsk con 3.050 tonnellate di grano destinate alla regione nord-occidentale di Tekirdag.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading>>>è gratis

È stato il primo carico di grano proveniente dall’Ucraina da quando la Russia ha iniziato un'”operazione speciale” per smobilitare il suo vicino il 24 febbraio. Insieme, i due Paesi rappresentano circa un terzo delle esportazioni mondiali di grano.

In Ucraina è rimasta un’eccedenza di 20 milioni di tonnellate di grano del raccolto precedente e per quest’anno si prevede un raccolto di 20 milioni di tonnellate.

I dati del tracker navale Refinitiv hanno rivelato che la Razoni, la prima nave a lasciare l’Ucraina nell’ambito dell’accordo, è sbarcata in Turchia giovedì e venerdì era in navigazione verso l’Egitto, dopo che il suo cliente iniziale in Libano aveva rifiutato la consegna a causa di un ritardo di cinque mesi.

Il carico di 26.527 tonnellate di mais caricato sulla Razoni in Turchia è stato gestito dall’agente marittimo Toros, che ha dichiarato che 1.500 tonnellate di quel carico sarebbero state consegnate a Mersin, nel sud della Turchia, mentre il resto sarebbe stato inviato in Egitto.

Una commissione del CCM di Istanbul ha autorizzato altre quattro navi per l’Ucraina. Inizialmente non era chiaro quando sarebbero partite. Con l’aumento delle spedizioni di grano, le Nazioni Unite prevedono l’arrivo di altre navi.