Il petrolio scende del 2% in Cina, mentre le preoccupazioni aumentano

Il costo del petrolio è sceso di circa il 2% giovedì, mentre la Cina è rimasta fedele alla sua strategia “zero coronavirus” e l’espansione dei costi dei prestiti statunitensi ha spinto al rialzo il dollaro, sollevando sentimenti di trepidazione per una flessione a livello mondiale che avrebbe fatto aumentare l’interesse per il carburante. Le disgrazie, in ogni caso, sono state limitate dalla preoccupazione per la chiusura delle scorte. Il Brent è sceso di 1,49 dollari, pari all’1,5%, per attestarsi a 94,67 dollari al barile, mentre il West Texas Moderate (WTI) americano non raffinato è sceso di 1,83 dollari, pari al 2,0%, per attestarsi a 88,17 dollari.

I due benchmark hanno guadagnato più di 1 dollaro mercoledì, aiutati da un ulteriore calo delle scorte di petrolio degli Stati Uniti, anche se la Banca Centrale ha aiutato i costi dei prestiti di 75 punti percentuali e il capo della Banca Nazionale degli Stati Uniti Jerome Powell ha detto che è prematuro prendere in considerazione la possibilità di fermare gli aumenti dei tassi. [Questo ha fatto salire il dollaro giovedì, con Powell che ha dimostrato che i tassi statunitensi probabilmente saliranno oltre le attuali ipotesi dei finanziatori. Un dollaro solido diminuisce l’interesse per il petrolio rendendolo più costoso per gli acquirenti che utilizzano standard monetari diversi.

“Il petrolio sta lottando sia contro una situazione finanziaria mondiale debilitante che contro un dollaro inondato. Sembra che questi fattori negativi non si attenueranno in nessun momento del prossimo futuro”, ha dichiarato Edward Moya, esaminatore senior del mercato presso la società di informazioni e analisi OANDA.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading>>>è gratis

La quantità di americani che documentano nuovi casi di disoccupazione è diminuita in modo sorprendente la scorsa settimana, proponendo aree di forza del mercato del lavoro per i soggiorni che allentano l’interesse interno nel mezzo dei pesanti aumenti dei tassi della Federal Reserve per domare l’espansione. Gli Stati Uniti non sono la principale strategia di correzione nazionale. La Banca di Gran Bretagna ha aumentato i costi dei prestiti al massimo a partire dal 1989, ma ha anche avvertito che l’Inghilterra dovrà affrontare una lunga recessione.

“Le crescenti tensioni sul rallentamento dello sviluppo influenzeranno inevitabilmente l’interesse petrolifero mondiale e un’ulteriore modifica in senso discendente nel successivo assetto degli indicatori non è certo un’ipotesi irrealistica”, ha dichiarato Tamas Varga, esperto di PVM Oil. In Cina, nel frattempo, i casi di Coronavirus hanno raggiunto il livello più significativo in oltre due mesi dopo che l’autorità per il benessere ha mantenuto la sua severa strategia di controllo, mandando in fumo le aspettative dei finanziatori per un’agevolazione dei controlli che stanno colpendo la seconda economia mondiale.