Il Parlamento australiano apre i battenti e si concentra sui cambiamenti climatici

Martedì scorso, il parlamento australiano di Canberra, dopo la vittoria dei laburisti per la prima volta in un’elezione, ha visto la vittoria di seggi record del partito dei Verdi, che riflette le preoccupazioni degli australiani per il cambiamento climatico tra il peggioramento delle inondazioni e degli incendi.

Il primo ministro australiano Anthony Albanese ha dichiarato che il suo governo, che detiene la maggioranza alla Camera bassa, introdurrà diciotto provvedimenti legislativi, come una legge sul cambiamento climatico per attuare un obiettivo di riduzione delle emissioni del 43% entro il 2030, a cui il precedente governo liberale consecutivo si era opposto.

Per far passare la legge nella camera alta, i laburisti hanno bisogno della collaborazione dei Verdi, che ora possiedono 12 seggi al Senato e almeno un indipendente.

Adam Bandt, leader dei Verdi, è in trattativa con il governo e martedì ha dichiarato che l’obiettivo del 43% è “modesto” e che i laburisti l’hanno fissato in base al mantenimento delle centrali elettriche a carbone nella rete.

Tuttavia, in un’intervista alla radio ABC, ha dichiarato che i Verdi preferivano “migliorare e approvare” la legislazione e avevano chiesto che la formulazione fosse modificata in modo da rendere il 43% finalizzato a un minimo piuttosto che a un massimo.

Il Ministro del Clima e dell’Energia Chris Bowen ha dichiarato che il governo farà un cambiamento di formulazione, ma ha avuto un’istruzione per la sua politica sul cambiamento climatico.

Ha detto ai giornalisti che ci sono cose che hanno reso più chiare nel disegno di legge che stanno per introdurre in Parlamento, come il funzionamento del meccanismo di Parigi per far sì che gli obiettivi futuri siano più alti rispetto a quelli precedenti.

I laburisti affermano di non poter sostenere l’appello dei Verdi per nuovi progetti di gas e carbone per la fine. I prezzi del carbone sono saliti fino a rendere il valore esportabile in Australia a maggio.

L’elezione è stata notevole per oltre una dozzina di indipendenti, che si sono concentrati sul cambiamento climatico e sulla conquista di seggi nella Camera bassa. Martedì sera faranno il primo discorso al Parlamento.