Il governatore californiano Newsom rifiuta un progetto di regolamentazione delle criptovalute e chiede una “strategia più agile”

Gavin Newsom, il governatore della California, ha respinto venerdì diverse misure, come l’Assembly Act 2269 (AB 2269), che avrebbe stabilito un regime di licenza e legale per il Bitcoin.

Con un numero crescente di clienti che acquistano e vendono criptovalute ogni anno, gli asset virtuali stanno diventando incredibilmente comuni nell’ambiente finanziario.

Il governatore ha sottolineato che la sua amministrazione ha svolto “indagini e impegni sostanziali” dopo la pubblicazione dell’ordine esecutivo e ha concluso che è inappropriato fissare un sistema di licenze nella legge senza considerare le prossime mosse federali.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Alcuni sostenitori del settore si sono opposti al disegno di legge. Secondo la Blockchain Association, la legge impone limitazioni miopi e inutili che ostacolerebbero la capacità degli imprenditori di criptovalute di operare e ne allontanerebbero molti dallo Stato. L’organizzazione ha dichiarato che gli elementi di licenza del disegno di legge sono destinati a imporre lo stesso oneroso quadro di licenze e relazioni che ha soffocato la crescita del mercato delle criptovalute e limitato l’accesso a servizi e prodotti di criptovaluta sicuri e affidabili a York City.

Inoltre, il governatore della California ha dichiarato che la proposta “richiederebbe un debito dal fondo generale di diversi milioni di dollari per i primi anni”, sottolineando che un impegno così sostanziale delle fonti di finanziamento generali deve essere considerato e contabilizzato durante la procedura di bilancio annuale.