Il dollaro tocca i minimi di tre settimane contro lo yen: Powell è meno aggressivo di quanto si temesse

Giovedì il dollaro è sceso ai minimi di tre settimane rispetto allo yen dopo che il presidente della Fed Jerome Powell ha attenuato le preoccupazioni degli investitori circa una costante stretta monetaria da falco.

Per la prima volta a luglio, la valuta statunitense è scesa fino a 135,105 yen dopo che la Fed ha aumentato il tasso obiettivo di 75 punti base (bps) per avvicinarlo alla neutralità. Va notato che, sebbene il mercato del lavoro rimanga forte, altri indicatori economici si sono rilassati.

Il dollaro-yen è sensibile ai movimenti dei rendimenti statunitensi, scesi dopo la dichiarazione di Powell sulla forza dell’occupazione. Powell non crede che l’economia sia in crisi e che non sia necessaria una flessione per domare il picco dell’inflazione.

Il Senior F.X. Strategist della National Bank of Australia Rodrigo Catril ha affermato che il dollaro ha perso un po’ di quota perché ritiene che il mercato stesse stimolando il potenziale del presidente della Federal Reserve Powell a sembrare un po’ più aggressivo.

Catril ha detto che i mercati si sono concentrati sul suo commento perché si stanno avvicinando alla neutralità. Ha aggiunto che c’era la possibilità di ridurre il ritmo di aumento dei prezzi e il mercato l’ha apprezzato.

Il rendimento del Tesoro americano a due anni, particolarmente sensibile alle aspettative politiche, è sceso al livello più basso della settimana, al 2,9878%.

Ha sostenuto circa 22 pb in più rispetto al rendimento decennale, anche se è stato visto come un’indicazione di un crollo imminente.

Giovedì si saprà se l’economia statunitense rispetterà le condizioni tecniche di contrazione, registrando due trimestri consecutivi di contrazione, con la pubblicazione dei dati sul Prodotto Interno Lordo (PIL) che saranno il prossimo punto di riferimento per il mercato.

Il capo stratega valutario di Mizuho Securities, Tokyo, Masafumi Yamamoto, ha dichiarato che le persone stanno diminuendo le loro posizioni lunghe sul dollaro in vista di possibili dati negativi dagli Stati Uniti.