Il Consiglio Mohawk di Kahnawake in Quebec cerca energia per alimentare le opportunità di estrazione di criptovalute

I membri del Consiglio Mohawk di Kahnawake (MCK) e della neonata Kahnawake Blockchain Technologies (KBT) vogliono estendere il loro potenziale di crescita economica attraverso l’estrazione di bitcoin.

Marcus Bankuti, giornalista di LJI, ha scritto un articolo sul MCK che cerca di trovare l’energia per costruire un’unità di mining di criptovalute. Il CEO di MCK, Mike Delisle, responsabile del portafoglio di crescita economica dell’autorità, è citato da Bankuti. Delisle ritiene che l’estrazione di criptovalute possa creare un flusso di denaro redditizio per gli abitanti di Kahnawake.

Delisle ha dichiarato in un comunicato che la possibilità di creare un nuovo settore, o almeno un nuovo settore all’interno di Kahnawake, è promettente per la creazione di reddito e la crescita dei servizi. MCK ha richiesto più energia elettrica a Hydro Quebec e sta valutando una collaborazione con Pow.re. La società specifica che l’operazione di estrazione di criptovalute non avrebbe bisogno di finanziamenti da Kahnawake. Delisle ha poi aggiunto che il team per la crescita delle entrate e degli affari è stato incaricato di sedersi e negoziare ufficialmente i parametri di una potenziale partnership con Pow.re.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Oggi la Nazione Mohawk conta circa 16.200 persone, di cui circa 3.000 vivono fuori dalla riserva. La maggior parte dei membri della Nazione Mohawk vive a Kahnawake, Akwesasne e Kanesatake, con Kahnawake che ha il maggior numero di partecipanti (7.923). Il rappresentante locale di Pow.re, Paul Rice, ha dichiarato a Bankuti che “l’onere economico per il pubblico è piuttosto modesto”. Rice sostiene che l’azienda e la MCK stanno lavorando duramente per raggiungere un accordo che favorisca Kahnawake.

Rice sostiene che gli impianti di estrazione verrebbero collocati in container e Kahnawake potrebbe ricevere una quota proporzionale dei Bitcoin (BTC) prodotti come risultato delle operazioni. Come riportato dal giornalista LJI, il funzionario di Pow.re ha anche affermato che il sito è già stato ripulito e che ci saranno “pochi danni alle strutture”. Rice ha poi aggiunto che questo permette essenzialmente di fare un giro gratuito sulla ripresa del valore del Bitcoin.