Il conflitto tra Russia e Ucraina fa aumentare i costi di produzione di Rusal

A causa della chiusura di una raffineria in Ucraina e del divieto australiano di esportare allumina e bauxite in Russia, il gigante russo dell’alluminio Rusal ha registrato venerdì un aumento del 33% dei costi di produzione del primo semestre.

Da quando, a marzo, Mosca ha spinto i soldati in Ucraina e l’economia russa è stata colpita da ondate di sanzioni occidentali, il più grande produttore di alluminio al mondo, al di fuori della Cina, ha avuto questi problemi.

Secondo l’azienda, nei sei mesi precedenti la fine di giugno, il costo di produzione di una tonnellata di alluminio è salito a 2.028 dollari.

Non è stato specificato chi abbia rilevato i fornitori di materie prime dell’Ucraina e dell’Australia. L’azienda ha dichiarato che l’aumento dei prezzi dell’alluminio ha contribuito a un incremento del 37,4% degli utili prima degli interessi, delle imposte, delle perdite e del deprezzamento (EBITDA), pari a 1,8 miliardi di dollari.

Nonostante un aumento della produzione dell’1,2% a 1,89 milioni di tonnellate, le vendite di alluminio primario sono crollate dell’11,9% a 1,76 milioni di tonnellate.

Oltre ai Paesi di origine, Russia e Ucraina, Rusal ha uffici anche in Italia, Svezia, Irlanda, Guinea e Giamaica.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading>>>è gratis

A marzo, il principale azionista di Rusal, En+, ha preso in considerazione la possibilità di dividere le attività internazionali dell’azienda.

Secondo gli esperti della BCS, le prospettive per Rusal nella seconda metà dell’anno non sono attualmente molto promettenti.

Il recente calo dei prezzi dell’alluminio e il rafforzamento del rublo hanno aumentato la pressione sulla redditività.

Tuttavia, le azioni di Rusal sono aumentate dell’1,6% a Hong Kong. Per quanto riguarda la sua partecipazione del 26% nel colosso minerario russo Nornickel, la società non ha detto nulla sugli sviluppi futuri.

Vladimir Potanin, il principale azionista di Nornickel, ha dichiarato a luglio di essere pronto a negoziare una potenziale combinazione tra Rusal e Nornickel per migliorare la loro difesa contro eventuali sanzioni.