Il Bitcoin si appresta a vivere il suo mese migliore da ottobre, a causa degli scossoni all’inflazione PCE

I nuovi dati economici statunitensi hanno rivelato che l’indicatore dell’inflazione preferito dalla Federal Reserve è aumentato più del previsto a giugno, ma il Bitcoin (BTC) è rimasto stabile.

L’indice dei prezzi della spesa personale core ha superato le aspettative ed è aumentato dello 0,6% mese su mese, rispetto all’aumento dello 0,3% di maggio.

In contrasto con le stime per un tasso del 4,7%, la velocità nell’ultimo anno è stata del 4,8%. Contrariamente alle aspettative, l’indice del costo del lavoro è aumentato dell’1,3% nel 2° trimestre.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Le statistiche hanno mostrato un’inflazione persistente che non ha influenzato il dollaro o i rendimenti del Tesoro americano, forse perché i mercati sono ancora preoccupati per l’imminente recessione e per la possibilità di una politica monetaria restrittiva della Federal Reserve più graduale nei prossimi mesi.

Venerdì il prezzo del bitcoin era di 23.550 dollari, con un aumento del 3% rispetto alle 24 ore precedenti.

Tuttavia, la criptovaluta era in procinto di arrestare una serie di tre mesi di perdite con un aumento di almeno il 18%, la percentuale più alta da ottobre. Una possibile spiegazione del benessere è la convinzione che l’inflazione sia cresciuta e che la Federal Reserve deciderà di aumentare gradualmente i tassi di interesse in futuro.

La valuta nativa della rete Ethereum ha registrato un aumento del 57% nel mese, il maggior guadagno da ottobre, anche se l’etere (ETH) è sceso sotto i 1.700 dollari.