I forti numeri sull’occupazione statunitense placano le preoccupazioni per la recessione, causando un calo dell’1% dell’oro

Mentre i timori di una recessione sono stati attenuati da un rapporto positivo sull’occupazione negli Stati Uniti e dalle voci secondo cui la Fed abbandonerà la sua severa politica monetaria restrittiva, i prezzi dell’oro hanno continuato a scendere e sono scesi di oltre l’1% venerdì.


Dopo un calo dell’1,5% all’inizio della giornata, l’oro spot è sceso alle 13:43 ET (1743 GMT) a $1.775,09 per oncia. Il prezzo di chiusura dei futures americani sull’oro era di $1.791,2, in calo dello 0,9%.


La convinzione che la Fed si trasformerà da falco a dovish ha recentemente fatto salire l’oro.


Tuttavia, il rapporto sui posti di lavoro indica che l’economia statunitense è solida e questo potrebbe portare la Fed a diventare più attiva, il che è una cattiva notizia per l’oro, secondo Bart Melek, responsabile della strategia sulle materie prime di TD Securities.


L’oro soffre quando i tassi di interesse sono alti perché non paga interessi.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading>>>è gratis


Mentre il tasso di disoccupazione è sceso a luglio al minimo pre-pandemico del 3,5%, le imprese statunitensi hanno assunto un numero di persone nettamente superiore al previsto.


Secondo Rupert Rowling, analista di mercato di Kinesis Money, i guadagni dell’oro si fermeranno probabilmente sopra i 1.800 dollari. Il miglioramento del quadro occupazionale offre alla Fed più spazio per aumentare i tassi di interesse senza correre il rischio di mandare l’economia in recessione.


L’oro è diventato più costoso per gli acquirenti stranieri a causa dell’aumento dell’indice del dollaro e, dopo i dati, i rendimenti del Tesoro americano hanno continuato a salire.
Per quanto riguarda l’oro vero e proprio, questa settimana ha visto un aumento dei premi dovuto alla domanda di beni rifugio causata dall’escalation del conflitto con gli Stati Uniti su Taiwan.


L’argento spot è sceso dell’1,4% a 19,87 dollari l’oncia, continuando il suo declino settimanale.
Il platino, in linea con il più alto rialzo settimanale dall’inizio di giugno, è salito dello 0,2% a 927,98 dollari. Il palladio è aumentato di oltre il 3% a 2.125,95 dollari.