I costi di Pudgy Penguins NFT sono aumentati dopo che lo sviluppatore ha svelato i giocattoli IRL

Giovedì, i ricavi delle NFT di Pudgy Penguin sono saliti alle stelle quando il progetto ha rivelato che avrebbe concesso in licenza alcune NFT per convertirle in vere e proprie collezioni di giocattoli.

Secondo le informazioni di OpenSea, il set ha venduto 252 ETH nell’ultimo giorno, con un aumento del 370% rispetto al giorno precedente.

Secondo le statistiche di NFT Floor Price, il prezzo minimo del set, che rappresenta il costo della versione più bassa accessibile, è ora di 2,63 ETH, un aumento del 18% rispetto al livello di ieri e del 60% rispetto a un mese fa.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

L’attività di Pudgy Penguins ha avuto le sue sfide e i suoi trionfi dal suo debutto nel giugno 2021; ha licenziato i suoi creatori originali nel gennaio di quest’anno.

Ad aprile, la società è stata venduta per 750 ETH a un uomo d’affari con sede a Los Angeles e proprietario dei Pudgy Penguin, rilanciando i tentativi del gruppo di reclamare il controllo del futuro del set.

La notizia arriva nel contesto di una continua disputa nel settore NFT sui diritti di licenza dei titolari, come dimostra il recente passaggio di Moonbirds a una licenza CC0, che ha fatto crollare il suo prezzo minimo.

A differenza delle licenze NFT di Pudgy Penguin e di set come BAYC e CryptoPunks, una licenza CC0 permette a chiunque, non solo al creatore del progetto, di utilizzare i diritti intellettuali dietro l’arte del programma per produrre oggetti commerciali.