Gasdotto Turkstream: Gazprom aumenta i flussi di gas verso l’Ungheria

Secondo un rappresentante del ministero degli Esteri ungherese, il gigante energetico russo Gazprom ha aumentato le forniture di gas all’Ungheria attraverso il gasdotto Turkstream, che attraversa la Serbia.


Da quando la Russia ha invaso l’Ucraina, l’Ungheria, membro dell’Unione Europea, ha mantenuto legami pragmatici con Mosca, il che ha causato attriti con gli alleati sicuri che vogliono che l’UE adotti una posizione più assertiva.


L’Ungheria, che dipende dal gas russo per circa l’85%, si oppone fermamente a qualsiasi sanzione dell’UE sulle forniture di gas russo.
Il premier Viktor Orban ha lottato duramente per ottenere l’esclusione dalle sanzioni imposte sulle importazioni di greggio russo.


Oltre all’accordo di fornitura a lungo termine già esistente con la Russia, il mese scorso il ministro degli Esteri Peter Szijjarto si è recato a Mosca dal suo omologo russo Sergei Lavrov per richiedere ulteriori 700 milioni di metri cubi di gas.


In base a un accordo successivo, Gazprom ha iniziato ad aumentare le forniture di gas all’Ungheria venerdì, secondo una dichiarazione di Tamas Menczer, segretario di Stato del Ministero degli Esteri ungherese.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading>>>è gratis


Menczer ha dichiarato che per tutto il mese di agosto Gazprom aumenterà la sua fornitura giornaliera di gas attraverso Turkstream di 2,6 milioni di metri cubi; la cifra per la consegna di settembre è ancora in discussione.


Secondo i dati dell’Autorità nazionale per l’energia, a metà luglio le riserve ungheresi contenevano 2,84 miliardi di metri cubi di gas, la quantità più bassa per quel periodo di tempo negli ultimi cinque anni.


L’Ungheria riceve 3,5 miliardi di metri cubi di gas all’anno attraverso la Bulgaria e la Serbia in base a un accordo a lungo termine con la Russia e un ulteriore 1 miliardo di metri cubi attraverso un gasdotto dall’Austria, secondo un contratto stipulato l’anno scorso, prima dell’inizio della guerra nella vicina Ucraina.


Il contratto di 15 anni con Gazprom prevede un’opzione di 10 anni per modificare le quantità di acquisto.