Effetti delle elezioni di midterm sulla Fed e sul dollaro

Come l’inflazione record influirà sulle elezioni di metà mandato degli Stati Uniti? ha discusso i potenziali effetti della recente inflazione elevata sulle prossime elezioni di metà mandato degli Stati Uniti. La nostra analisi ci ha portato a concludere che i Democratici probabilmente perderanno il controllo della Camera dei Rappresentanti a favore dei Repubblicani, inaugurando il ritorno a una situazione di stallo partitico a Washington, a meno che i prezzi del gas non diminuiscano ulteriormente e i tassi di inflazione degli Stati Uniti non scendano drasticamente nelle prossime settimane.

Il valore del dollaro, delle azioni americane, dei titoli di Stato, dell’oro, del petrolio e delle valute digitali risentirebbero immediatamente di questo cambiamento. Gli effetti si ripercuoterebbero nei prossimi anni e avrebbero conseguenze significative sulla politica fiscale e monetaria degli Stati Uniti. La Federal Reserve sarà il principale canale di trasmissione di tutti questi effetti.

Azzerare l’orologio

Per comprendere l’imminente terremoto fiscale e monetario negli Stati Uniti, è utile guardare alla storia recente.

Gli elettori di tutti gli Stati Uniti hanno reagito nel 2010, quando l’allora presidente Barack Obama e la maggioranza democratica del Congresso approvarono l’Affordable Care Act in piena crisi finanziaria globale. I funzionari federali si impegnarono a effettuare numerosi investimenti per rilanciare l’economia e salvare il sistema bancario, il mercato immobiliare e il settore automobilistico.

Abbiamo trascorso gli anni successivi bloccati negli ingorghi. In seguito al successo nelle elezioni di midterm del 2020 negli Stati Uniti, i repubblicani chiesero severi tagli al bilancio. A seguito degli scontri che ne sono scaturiti, nell’agosto 2011 Standard & Poor’s ha declassato il rating creditizio degli Stati Uniti da AAA a AA+. A metà del secondo mandato dell’ex presidente Obama, i democratici hanno perso il controllo del Senato nel 2014.

Il compito della Federal Reserve è stato quello di sostenere l’economia statunitense quando un Congresso diviso ha praticamente bloccato il governo federale con un presidente democratico e un Congresso controllato dai repubblicani.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro>>>subito per te 100mila euro per fare pratica nel forex trading

Stallo e politica della Federal Reserve

Dal 2011 al 2016, la Federal Reserve aveva poche alternative, dal momento che il Congresso era bloccato e non era disposto a fornire ulteriori stimoli: aumentare i tassi d’interesse e distruggere la fragile ripresa dalla Grande Recessione o mantenerli vicino allo zero e sperare che l’economia continuasse a migliorare.

Il periodo dal 2011 al 2016 non è stato l’unico in cui Washington D.C. è rimasta paralizzata. Gli anni 2019 e 2020 sono paragonabili al resto del mandato dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

La Federal Reserve ha tagliato il suo tasso principale allo 0,00-0,25% e ha ripreso gli acquisti di asset anche dopo che il Congresso ha varato i programmi di stimolo del coronavirus.

Risultati per le elezioni di metà mandato negli USA

Supponiamo che le elezioni di midterm statunitensi del 2022 producano una situazione di stallo a Washington, con il Partito Repubblicano che controlla la Camera o entrambe le camere del Congresso, mentre un democratico occupa la Casa Bianca. In tal caso, la Federal Reserve tornerà ad essere l’unico attore in città.

È improbabile che gli effetti di un cambiamento della politica della Federal Reserve verso i tagli dei tassi d’interesse e, all’estremo, la reintroduzione degli acquisti di asset per incentivare gli investitori a continuare a modificare le loro preferenze di rischio siano diversi da quelli visti tra il 2011 e il 2016 o tra il 2019 e il 2020. Un dollaro più debole significa tassi del Tesoro americano più bassi, prezzi dell’oro e del petrolio più alti, prezzi delle criptovalute più alti e un maggiore flottante del mercato azionario statunitense.