Dopo l’annuncio del pagamento di un dividendo record, la brasiliana Petrobras ha registrato un calo delle azioni

Venerdì le azioni brasiliane di Petrobras hanno superato il record degli ultimi 12 anni, raggiungendo il 7%. Questo balzo è stato notato dopo che la compagnia petrolifera ha superato le stime sugli utili dell’ultimo trimestre e ha dichiarato il pagamento del dividendo.


Giovedì scorso, la compagnia petrolifera statale ha annunciato il pagamento di un dividendo stimato in 87,8 miliardi di real (17 miliardi di dollari). Questo ha fatto sì che le azioni della società salissero del 3,3% nell’arco della giornata. Tuttavia, dopo la chiusura del mercato, è andato anche oltre le stime degli analisti. A quel punto, la compagnia petrolifera ha realizzato 54,33 miliardi di reais di utili nel secondo trimestre. L’azienda ha sicuramente superato i margini stimati solo grazie al business dei carburanti.


Il guadagno accumulato per questa settimana si è attestato al 16%, facendo sì che l’azienda rimanesse in pista per il suo quinto giorno consecutivo sul mercato.


In un incontro con gli strateghi di venerdì, i funzionari hanno dichiarato di aspettarsi che l’elevato utilizzo delle raffinerie della società continui ad aumentare per il resto dell’anno.



Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading sull’oro>>>è gratis


La strada, come testimonia l’andamento del titolo Petrobras, è stata seguita da solidi profitti, da una generosa politica di dividendi e da un’elevata domanda di prodotti dell’azienda, nonostante l’approvvigionamento dell’azienda sia stato influenzato negativamente dall’invasione russa dell’Ucraina.


È stato anche sollevato dal fatto che la maggior parte degli investimenti dell’azienda per l’anno 2022 è stata destinata alla gestione delle crisi gestionali.


L’azienda ha avuto quattro amministratori delegati quest’anno e si appresta a sostituire il suo consiglio di amministrazione in agosto. Se l’ex presidente di sinistra Luiz Inacio Lula da Silva dovesse vincere le elezioni di ottobre – cosa che i sondaggi indicano come probabile – ne deriverebbe quasi certamente un importante cambio di strategia.