Dollaro USA, dollaro australiano, bilancia commerciale australiana e prospettive tecniche

Oggi i mercati dell’Asia-Pacifico potrebbero essere meno rischiosi grazie alla recente ripresa del dollaro. Durante la notte, gli indici di mercato statunitensi hanno vissuto una fase di trading tumultuosa, con il DJI e l’S&P 500 che sono saliti di nuovo da un inizio di giornata abissale e hanno chiuso in verde.

I tori non sono riusciti a sostenere i loro guadagni e l’S&P 500 e il DJI hanno chiuso la giornata in ribasso dello 0,20% e dello 0,14%. Sebbene questa performance sia stata eccezionale, il sostegno del pubblico a un’inversione della Fed rimane incerto.

Mary Daly, un funzionario della Federal Reserve tipicamente dovish, ha recentemente affermato che la banca centrale dovrebbe aumentare ulteriormente i tassi di interesse.

I prezzi dell’oro e dell’argento sono diminuiti, con il metallo bianco che ha perso quasi il 2% in più rispetto all’oro. Di conseguenza, il rapporto oro/argento è salito nuovamente a oltre 82 e alla sua media mobile semplice (SMA) a 200 settimane.

Nonostante il rafforzamento del dollaro USA, i prezzi del rame sono saliti. Le previsioni del GDPNow Q3 della Fed di Atlanta sono aumentate al 2,7% dal 2,3%, segnalando maggiori possibilità di un atterraggio morbido, il che è incoraggiante per il metallo industriale.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro>>>subito per te 100mila euro per fare pratica nel forex trading

Il rafforzamento del dollaro statunitense e il calo della domanda di esportazioni hanno contribuito a un calo del 5% dei prezzi del cotone alla chiusura del mercato di Chicago di venerdì.

Poiché gli operatori iniziano a prendere in considerazione la riduzione del numero di capi di bestiame negli Stati Uniti, i prezzi dei futures sui suini magri sono aumentati di quasi il 4%, sollevandoli dai minimi plurimensili raggiunti all’inizio della settimana. I prezzi dell’olio di palma sono aumentati di oltre il 3% e quelli del caffè sono saliti per il secondo giorno consecutivo.

Dopo il rialzo della RBNZ, il cambio NZD/USD ha guadagnato circa lo 0,5% durante le ore di contrattazione nell’UE e negli USA. La dichiarazione di policy ha mostrato che il Comitato ha discusso se aumentare l’OCR di 50 o 75 punti base in questa riunione.

I membri hanno sottolineato che un aumento più consistente dell’OCR in questo momento ridurrebbe la possibilità che un picco maggiore dell’OCR sia necessario in seguito. Il tasso di cambio AUD/NZD scende per il terzo giorno consecutivo.