Con l’assestamento del dollaro, l’oro torna a salire!

Questo venerdì, l’oro ha raggiunto l’ennesimo picco della settimana e il suo fascino di bene rifugio rimane ancora nell’aria. I nuovi guadagni del dollaro hanno portato un altro aumento dell’inflazione negli Stati Uniti.


Anche il nuovo prezzo del lingotto sta attirando gli offerenti ad investire. Il 22 novembre 2018, un nuovo peso di oro è stato immagazzinato nell’impianto di metalli non ferrosi di Krastsvetmet. Questo impianto si trova nella città siberiana di Krasnoyarsk, in Russia. L’oro appena pesato viene fuso con lingotti d’oro puro al 99,99%.


I futures sull’oro statunitensi si sono assestati a 1.781,80 dollari l’oncia, con un aumento dello 0,7%. Tuttavia, l’oro a pronti è salito a 1.765,76 dollari l’oncia, con un aumento dello 0,6% alle 13.50.


Dal 2005, l’impennata dell’inflazione è stata maggiore a giugno. Il mese in questione ha visto anche una maggiore spesa da parte dei consumatori americani. Tuttavia, il dollaro sembra essersi un po’ stabilizzato con un calo dello 0,3%. Questa riduzione ha permesso all’oro di aumentare rapidamente i suoi guadagni.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading sull’oro>>>è gratis


La Fed ha intrapreso un rapido percorso di rialzo dei tassi, mentre il dollaro è emerso come rifugio preferito tra i crescenti rischi di recessione. L’oro era comunque destinato al quarto calo mensile consecutivo. Ha perso oltre 300 dollari da quando ha superato il livello di 2.000 dollari l’oncia a marzo.
Osservando queste tendenze, uno stratega di mercato senior, Daniel Pavilonis, ha affermato che “con questa inversione di tendenza, i dati vengono scavati più a fondo dal mercato, il che fa salire nuovamente il metallo giallo”.


Pavilonis ha poi aggiunto che “nel complesso, si tratta solo di una spinta verso i metalli, che attualmente sono poco costosi”. “Ma alcuni di essi potrebbero essere un bene rifugio”, ha aggiunto.
Questo permette all’oro non redditizio di ottenere un aumento dei tassi.


Un altro noto analista, Jim Wyckoff di Kitco Metals, ha dichiarato: “La FED dovrà mostrarsi più aggressiva, con maggiori previsioni di inflazione dei prezzi”.