Analisi del prezzo di EUR/USD: Range bound entro 1,0100-1,0260 dal 22 luglio

Si prevede che la coppia EUR/USD terminerà la settimana quasi invariata, con un aumento dello 0,05%.
Il grafico orario dell’unione monetaria è favorevole al rialzo, mentre quello giornaliero è neutro o inferiore.


Analisi del prezzo di EUR/USD


Mentre il mercato valuta solo 80 punti percentuali di rafforzamento, le spese per i consumi personali (PCE) sono aumentate del 6,8% su base annua a giugno, alimentando l’aspettativa di futuri aumenti dei tassi della Federal Reserve.


Se la chiusura giornaliera rimane al di sopra di 1,0200, si può raggiungere 1,0300, altrimenti 1,0096. La coppia EUR/USD è attualmente scambiata a 1,0220 dopo aver raggiunto un massimo giornaliero di 1,0254 prima di scendere al minimo di giornata di 1,0145 a causa delle forti statistiche sull’inflazione statunitense.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro>>>subito per te 100mila euro per fare pratica nel forex trading


Prospettive tecniche


L’EUR/USD mantiene la valuta comune vulnerabile a ulteriori pressioni di vendita, poiché non è in grado di beneficiare di un clima di mercato rialzista e di un diffuso indebolimento del dollaro USA. La media mobile esponenziale (EMA) a 20 giorni si trova sotto il valore della valuta a 1,0167, il che contribuisce alla tendenza negativa dell’EUR/USD sulla linea di tendenza.


Il ribasso del 13 maggio a 1,0348 deve essere ripreso dagli acquirenti di EUR/USD se vogliono cambiare la tendenza a neutrale. Una volta raggiunto questo obiettivo, è previsto il raggiungimento dell’EMA a 50 giorni a 1,0423. D’altro canto, l’EMA a 20 ore intorno a 1,0206 fungerebbe da supporto iniziale per l’EUR/USD.


Gli investitori di EUR/USD dovrebbero prendere nota del fatto che le EMA giornaliere sono ben al di sotto del prezzo attuale, il che suggerisce che potrebbe esserci una crescente pressione d’acquisto.
D’altra parte, se gli acquirenti dell’EUR/USD riuscissero a chiudere la giornata al di sotto di 1,0200, si aprirebbe la strada verso 1,0096.


Pertanto, il perno giornaliero R1 intorno a 1,0250 sarebbe il punto di resistenza iniziale per l’EUR/USD. Una volta superato, 1,0278 sarebbe il prossimo ostacolo, poi 1,0300.