Seregno, il raduno diocesano delle confraternite

In occasione del 450° anniversario di presenza sul territorio locale della sua Confraternita, Seregno ha ospitato domenica l’annuale raduno diocesano delle Confraternite del Santissimo Sacramento, che ha richiamato la partecipazione di una ventina di formazioni e circa duecento confratelli, in parte provenienti anche dalla vicina diocesi di Como.
L’appuntamento è stato introdotto da un momento di preghiera nella chiesa del monastero delle Adoratrici Perpetue del Santissimo Sacramento, al quale sono seguiti una processione che ha condotto i presenti nella Basilica San Giuseppe, una santa Messa celebrata dall’assistente diocesano don Claudio Carboni, il pranzo comunitario ed i vesperi pomeridiani nella parrocchiale del Lazzaretto.

«È un momento molto bello per noi - ha spiegato don Carboni -, che rinnova una tradizione di fede e di servizio». Un successo tangibile ha registrato nella circostanza la mostra storica sulla Confraternita seregnese, accolta da un paio di settimane dalla penitenzieria della Basilica San Giuseppe e promossa con la collaborazione del mensile “L’Amico della Famiglia”, del Circolo culturale San Giuseppe e della Biblioteca capitolare Ballerini, con fotografie, documenti vari, un paio di baldacchini ed il quadro di Luigi Maria Sabatelli che raffigura San Carlo Borromeo, fondatore delle Confraternite, in ginocchio davanti al Santissimo Sacramento, per il quale è in corso una raccolta di fondi, finalizzata ad un restauro urgente.

Paolo Colzani

Altri articoli
Guarda gli altri video